“Mediaset sta agendo come Ponzio Pilato: si lava le mani, mentre la nostra azienda (la Dng nda) fa il lavoro sporco licenziandoci”. Sit-in di 29 videomaker ex Mediaset, che oggi hanno protestato di fronte alla sede del “Biscione” a Cologno Monzese. Fin dagli anni Ottanta hanno filmato e montato servizi e collegamenti per il Tg5, Studio Aperto, Tg4 e per i programmi di soft news come Pomeriggio 5. Fino al 2012 erano interni all’azienda prima di essere esternalizzati attraverso l’assorbimento in una società creata ad hoc, la Dng.

“Dopo sette anni, oggi Mediaset ha deciso di rinnovare il contratto con la nostra azienda senza garantirgli nulla – spiega Ezio Bogino, uno dei lavoratori che rischiano il licenziamento – la proposta di Mediaset è quella di non garantire un numero di servizi pertanto la nostra azienda ci ha proposto di trasformare i contratti da dipendenti in un lavoro a chiamata”. Condizioni inaccettabili per i 29 lavoratori, quasi tutti ultra cinquantenni, a pochi anni dalla pensione. Così il 4 ottobre la Dng ha aperto la procedura di mobilità per tutti i dipendenti che rischiano il licenziamento dopo la metà di dicembre. “Il paradosso è che la mole di lavoro richiesta non è calata anzi il numero di servizi è aumentato, ma l’azienda ha praticato la scelta del massimo ribasso” racconta un altro lavoratore Luigi Piraino. Una vicenda che, se accostata a quella dei lavoratori licenziati di Videobank (appalto Sky), secondo Massimo Luciani (Slc Cgil nazionale) sembra suggerire un “disegno preordinato di aziende che vanno in crisi in un settore dove non è una riduzione dei volumi di attività, ma piuttosto la volontà di ridurre costo del lavoro e diritti uccidendo le realtà più strutturate per far strada a un modello estremo di precariato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lavoro, Inps: nei primi 8 mesi del 2019 +347mila contratti a tempo indeterminato. Incremento del 162% rispetto al 2018

prev
Articolo Successivo

Wall Street English, “noi insegnanti inquadrati come personale amministrativo. E da quando protestiamo ci hanno ridotto le ore di lavoro”

next