Una battaglia a colpi di armi automatiche fra le forze dell’ordine e membri del cartello della droga che ha provocato almeno 8 vittime. È quella che si è combattuta a Culiacán, capoluogo dello Stato messicano di Sinaloa, quando una pattuglia di agenti ha individuato Ovidio Guzmán López, figlio ventenne di Joaquin “El Chapo” Guzman, il leader narco condannato all’ergastolo, ora in carcere negli Stati Uniti. Lo riferisce la Bbc e lo testimoniano diversi video diffusi su Twitter nei quali si vedono scene di guerriglia tra polizia e narcotrafficanti e la popolazione terrorizzata.

Dopo ore di combattimenti, il figlio di El Chapo, ricercato per traffico di droga , è stato rilasciato. Lo riferisce a Reuters il ministro della Sicurezza messicano Alfonso Durazo, sottolineando come la decisione sia stata presa “per proteggere vite umane”. Un’ autopattuglia della polizia che stava svolgendo un controllo di routine ha trovato il ragazzo all’interno di un appartamento e lo ha catturato: immediata la reazione dei componenti dell’organizzazione criminale, che hanno lanciato un attacco frontale nei confronti dell autorità, per liberarlo.

Il distretto commerciale di Culiacán si è quindi trasformato in un campo di battaglia, con macchine e jeep date alle fiamme e un massiccio dispiegamento di veicoli militari. I membri del cartello, dal canto loro, hanno schierato pick-up su cui avevano fissato mitragliatrici.

Non solo: la Bbc cita anche l’evasione di alcuni carcerati che si sarebbe verificata durante gli scontri. I primi aggiornamenti forniti in conferenza stampa dai federali parlano di 8 vittime, tra cui un civile, un membro della Guardia Nazionale, un prigioniero e cinque aggressori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Egitto ed Etiopia si scontrano per l’acqua del Nilo. Non è la prima volta (e purtroppo non sarà l’ultima)

prev
Articolo Successivo

Venezuela, peggiora l’emergenza migranti. E c’è tantissimo da fare per proteggerne la dignità

next