Una vera e propria ‘battaglia’ a colpi di armi automatiche è scoppiata a Culiacan, capoluogo dello Stato messicano di Sinaloa, quando una pattuglia di agenti ha individuato Ovidio Guzmán López, figlio ventenne di Joaquin “” Guzman, il leader narco in carcere in Usa. Uomini armati legati al cartello sono intervenuti, ingaggiando una sparatoria con le forze di sicurezza per liberare il giovane.

Secondo la Bbc il figlio di El Chapo, ricercato per traffico di droga, è stato rilasciato e l’operazione “interrotta“, mentre secondo altre fonti sarebbe ancora nelle mani delle autorità. I video diffusi in rete mostrano scene che vanno ben oltre l’immaginazione. Una città messa letteralmente a ferro e fuoco per ore, con scontri diffusi e panico tra la gente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezuela, peggiora l’emergenza migranti. E c’è tantissimo da fare per proteggerne la dignità

prev
Articolo Successivo

Barcellona, notte di scontri: 182 feriti e 54 arresti. Il movimento Arran annuncia una nuova manifestazione prevista per le 18.00

next