Un turista francese è stato ucciso a coltellate a Biserta, nella regione di Zarzouna, in Tunisia settentrionale. Lo riferiscono i media locali. Secondo Nessma tv l’aggressore ha gridato ‘Allahu Akbar’ e subito dopo è fuggito: le forze dell’ordine sono sulle sue tracce. Si tratta, ha dichiarato Khaled Hayouni, portavoce del ministero dell’Interno, di un uomo noto alla sicurezza con precedenti penali per reati di criminalità comune. Oltre alla vittima è rimasto ferito anche un soldato, che è stato trasferito all’ospedale militare di Tunisi e le sue condizioni sono state giudicate stabili. L’emittente Shems FM cita testimoni oculari secondo i quali l’attacco è stato sferrato davanti a un hammam. La stessa fonte riferisce che l’assalitore era uscito dal carcere la scorsa settimana dopo aver scontato una condanna per traffico di stupefacenti.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Barcellona, proteste contro le condanne agli indipendentisti. Migliaia di persone in strada

next
Articolo Successivo

Erdogan vuole prevenire l’autonomia curda. E così gioca sulla distrazione di massa

next