World Rugby e il comitato organizzatore hanno preso la decisione difficile, ma giusta, di annullare le partite nelle aree colpite per motivi di sicurezza. Le squadre interessate sono state informate. Per le partite che non vanno avanti come previsto, verranno assegnati due punti a ciascuna squadra in linea con le regole del torneo”. Gli organizzatori del Mondiale di Rugby annunciano la cancellazione del match di sabato tra gli azzurri e gli All Blacks della Nuova Zelanda dell’Inghilterra contro la Francia “per la sicurezza pubblica” a causa dell’arrivo del tifone Hagibis, che minaccia di interrompere anche il weekend di gara di Formula Uno a Suzuka.

Entrambi i match quindi finiscono quindi 0-0 a tavolino e l’Italia chiude come terza del girone B con 12 punti, alle spalle di Nuova Zelanda (16) e Sudafrica (15) che accedono ai quarti. Inghilterra e Francia erano già qualificate. “Comprendiamo la decisione della federazione internazionale di annullare la partita con gli All Blacks per il tifone in arrivo, ma nella nazionale c’è grande rammarico”, ha detto il presidente della Federugby, Alfredo Gavazzi.

In base alle ultime informazioni degli esperti meteo, “Hagibis è in predizione di essere il più grande tifone del 2019 e altamente suscettibile di provocare notevoli interruzioni nelle aree di Tokyo, Yokohama e Toyota per tutto il sabato, incluso il probabile arresto o interruzione del trasporto pubblico”, fanno sapere gli organizzatori del Mondiale in un comunicato. “È una situazione eccezionale – complessa e in rapida evoluzione e la sicurezza di gruppo e pubblica è la priorità numero uno. Questo è stato fondamentale in tutto il processo decisionale in collaborazione con gli esperti di informazioni meteorologiche del torneo, le città ospitanti, i luoghi e le squadre”.

La partita di venerdì tra Australia e Georgia, valida per il girone D e in programma alle 19.45, si giocherà come previsto così come quella di sabato allo stesso orario tra Irlanda e Samoa a Fukuoka e valida per il girone A. Tutti i fan con i biglietti per una partita annullata riceveranno un rimborso completo. Verrà fatto ogni sforzo per garantire che le partite di domenica vengano giocate. “Una valutazione approfondita dei luoghi avrà luogo dopo che il tifone è passato prima che sia presa una decisione definitiva domenica mattina”, si legge nel comunicato degli organizzatori, che suggerisce inoltre ai fan nelle aree di Tokyo, Yokohama e Toyota di rimanere al chiuso nella giornata di sabato. “Pur facendo ogni possibile sforzo per mettere in atto un piano di emergenza che consentirebbe di giocare tutte le partite di sabato, sarebbe gravemente irresponsabile lasciare esposti squadre, tifosi, volontari e altro personale del torneo durante quello che si prevede essere un tifone grave”, spiega Alan Gilpin, direttore del torneo. “Comprendiamo pienamente che i fan di Inghilterra, Francia, Nuova Zelanda e Italia saranno delusi, ma crediamo che apprezzeranno che la loro sicurezza deve venire prima”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tennis, Fognini e Berrettini avanti a Shangai: per la seconda volta due italiani ai quarti di un torneo Master 1000. E puntano le Atp Finals

next
Articolo Successivo

Michele Antonelli, dal coma nel 2012 al 16° posto nella marcia ai Mondiali di Doha: “Ho deciso di vivere di quello che mi fa star bene”

next