I renziani di Italia Viva chiedono l’istituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta contro la disinformazione, per indagare “sui ‘casi di diffusione seriale e massiva’ delle fake news” nei cinque anni precedenti alla data di entrata in vigore della legge. Quindi considerando anche il 2016, anno del fallimento del referendum costituzionale voluto da Matteo Renzi. È il contenuto della prima proposta di legge dei parlamentari fuoriusciti dal Pd di cui scrive Il Messaggero: prima firmataria la capogruppo di Italia Viva Maria Elena Boschi, all’epoca della consultazione ministra delle Riforme, che definisce le fake news “delitti contro la Repubblica“. La richiesta per il funzionamento della Commissione è di 100mila euro l’anno a carico di Camera e Senato in parti uguali, cifra che potrà essere aumentata al massimo del 30% l’anno.

L’obiettivo della proposta è quello di accertare se tramite la disinformazione si è tentato di “condizionare illecitamente o illegittimamente l’esito delle consultazioni elettorali o referendarie” – tema peraltro al centro della risoluzione non vincolante approvata oggi dal Parlamento europeo – “o comunque di manipolare indebitamente il consenso elettorale”. Italia Viva chiede al Parlamento di “dotare al più presto l’ordinamento di una specifica disciplina per contrastare” la disinformazione e di “responsabilizzare i social network” al fine di “tutelare gli utenti da notizie costruite intenzionalmente per trarli in inganno”.

Motivo per cui, si legge nella proposta, “servono soluzioni di carattere legislativo e amministrativo” per la prevenzione e “specifiche forme di repressione penale per la diffusione dei contenuti illeciti attraverso la rete internet ed efficaci sanzioni pecuniarie per i fornitori dei servizi delle reti sociali e telematiche che non si dorano di idonee procedure per il controllo e la rimozione di tali contenuti”. Per i parlamentari renziani quello della disinformazione è un fenomeno “dilagante, capace di danneggiare gravemente i cittadini e le imprese, di veicolare stereotipi basati sul razzismo, sull’antisemitismo, sul sessismo […], di influenzare l’opinione pubblica […] di condizionare la politica e gli esiti di un’elezione, di distruggere la reputazione di figure pubbliche, ma anche di privati cittadini”. E con le fake news, aggiungono, si “costruiscono campagne d’odio” e “si inquina la vita politica”, oltre a influire “indebitamente sulle elezioni democratiche“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Decreto Ambiente, Costa: “450 milioni per il primo passo del Green new deal”

prev
Articolo Successivo

Forza Italia scioglie i dubbi: in piazza contro il governo il 19 ottobre con Lega e Fratelli d’Italia

next