Non sono di Isabella Noventa le ossa ritrovate sulla spiaggia dell’isola di Albarella, in provincia di Rovigo, nell’agosto 2019. Lo dicono i primi risultati emersi dagli accertamenti sui reperti che – si ipotizzava – potessero appartenere alla 55enne segretaria di Albignasego, nel Padovano, scomparsa il 15 gennaio del 2016 a Noventa Padovana.

Secondo le analisi compiute dal medico legale Lorenzo Marinelli di Ferrara su incarico del pm Sabrina Duò di Rovigo, fra i reperti ritrovati il 20 agosto sulla spiaggia di Albarella solo la mandibola con due denti è umana, di un uomo giovane morto da qualche anno. Si aspetta ora l’estrazione del dna dalla dentatura. Le altre ossa, fra cui il femore, sono invece animali.

Per la morte della donna sono stati condannati il suo fidanzato Freddy Sorgato (che aveva confessato), sua sorella Debora Sorgato e l’amante dell’uomo Manuela Cacco, rispettivamente a 30 anni, 16 anni e 10 mesi. Il 9 ottobre 2018 la Corte d’Assise d’appello ha confermato la condanna di primo grado per omicidio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sparatoria Trieste, i pm chiederanno perizia psichiatrica per Meran. Il 29enne dominicano dimesso dall’ospedale: è in carcere

prev
Articolo Successivo

Como, 13enne sequestrata e violentata dal vicino di casa ventenne e da un suo amico. Il racconto alla madre, poi gli arresti

next