Carcere agli evasori? Non sono allo studio misure di questo tipo, ma interventi più efficaci di contrasto all’evasione e alle frodi partendo dallo sfruttamento delle tecnologie esistenti”. Lo ha chiarito il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, in audizione congiunta delle commissioni Finanze di Camera e Senato. Il numero uno del Tesoro ha presentato le linee guida della legge di Bilancio ma ha escluso l’esistenza della norma-bandiera del M5s, che vorrebbe abbassare le soglie di punibilità per chi commette reati finanziari e contributivi e, allo stesso tempo, aumentare le pene. “Ogni giorno mi tocca smentire fake news” ha detto il ministro, negando che sia allo studio il daspo per i commercialisti.
A stretto giro è arrivata la replica del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede: “Nel governo c’è sicuramente una proposta per il carcere ai grandi evasori. Non so che domanda sia stata posta al ministro dell’Economia – ha aggiunto il Guardasigilli – non so se si riferisse a tutti gli evasori”. Bonafede ha preferito non esprimersi sulla dichiarazione inerente al daspo: “Preferisco non commentare” ha tagliato corto.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cremona, condanne da due a sette anni per la maxi rissa tra antagonisti ed esponenti di Casapound del 2015

prev
Articolo Successivo

Montante, le motivazioni della sentenza: “Motore di un meccanismo perverso di conquista del potere. Una mafia trasparente”

next