“La legge esiste dal 2000, la domanda giusta è questa: perché non c’è nessun evasore in carcere?”. Il renziano Luigi Marattin usa forse un’iperbole, ma se è vero che in Italia il numero di detenuti per reati contributivi e finanziari non è proprio pari a zero, di sicuro è molto basso. La legge, come fa notare Marattin, c’è, è il decreto legislativo 74/2000 relativo ai reati in materia di imposte sui redditi e Iva, e prevede effettivamente il carcere. Ma è stato modificato nel 2011 e nel 2015, con dei ritocchi che hanno alzato le soglie di punibilità. Non solo: le pene previste sono molto basse e sotto i 4 anni in Italia non si finisce dietro le sbarre (salvo rari casi). Per questo, secondo l’Istat, nel 2017 poco più dell’ l’ 1% è andato in carcere per evasione, ossia circa 3mila sui 200 mila condannati in via definitiva. Il tema è tornato al centro del dibattito politico con la discussione sulla riforma fiscale e oggi divide parlamentari e politici

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Taglio parlamentari, Delrio: “I dem votano sì con convinzione”. Contestazioni di Lega e FdI

prev
Articolo Successivo

Taglio parlamentari è legge: Montecitorio approva con 553 Sì. Di Maio: “Fatto storico, saremo leali su contrappesi”. Conte: “Riforma riduce i costi e darà più efficienza”

next