“La legge esiste dal 2000, la domanda giusta è questa: perché non c’è nessun evasore in carcere?”. Il renziano Luigi Marattin usa forse un’iperbole, ma se è vero che in Italia il numero di detenuti per reati contributivi e finanziari non è proprio pari a zero, di sicuro è molto basso. La legge, come fa notare Marattin, c’è, è il decreto legislativo 74/2000 relativo ai reati in materia di imposte sui redditi e Iva, e prevede effettivamente il carcere. Ma è stato modificato nel 2011 e nel 2015, con dei ritocchi che hanno alzato le soglie di punibilità. Non solo: le pene previste sono molto basse e sotto i 4 anni in Italia non si finisce dietro le sbarre (salvo rari casi). Per questo, secondo l’Istat, nel 2017 poco più dell’ l’ 1% è andato in carcere per evasione, ossia circa 3mila sui 200 mila condannati in via definitiva. Il tema è tornato al centro del dibattito politico con la discussione sulla riforma fiscale e oggi divide parlamentari e politici

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taglio parlamentari, Delrio: “I dem votano sì con convinzione”. Contestazioni di Lega e FdI

next
Articolo Successivo

Taglio parlamentari è legge: Montecitorio approva con 553 Sì. Di Maio: “Fatto storico, saremo leali su contrappesi”. Conte: “Riforma riduce i costi e darà più efficienza”

next