Pugno duro della polizia britannica contro i manifestanti del movimento ambientalista radicale Extinction Rebellion scesi in strada a Londra, come in numerose altre città del mondo, per una serie di proteste coordinate in programma da oggi fino a metà ottobre per denunciare “l’emergenza dei cambiamenti climatici”. Gli stessi investigatori hanno reso noto di aver arrestato nella sola mattinata di oggi 135 dimostranti, accusati d’intralcio al traffico e ai trasporti pubblici per i picchetti e i blocchi stradali organizzati qua e là nel centro della capitale del Regno Unito. In una precedente settimana di manifestazioni promosse da Extinction Rebellion a Londra in primavera i fermi erano stati centinaia, con oltre mille persone rinviate alla fine a giudizio nei tribunali

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, giudice a Trump: “Renda pubbliche le dichiarazioni dei redditi personali e aziendali”

next
Articolo Successivo

Siria, media: “La Turchia ha iniziato a bombardare obiettivi curdi. Nel mirino lo Ypg”

next