Si chiama Eradiate il progetto finanziato dalla Commissione Europea e coordinato dalla Slovacchia, che ha stretto collaborazioni tra i migliori ricercatori del trasporto intelligente. I risultati sono nuovi sviluppi nel trasporto urbano intelligente, supporto di veicoli di risposta alle emergenze e app per un trasporto passeggeri più fluido attraverso le città.

Il problema da risolvere è legato all’inquinamento atmosferico in molte aree d’Europa, causato anche dal crescente numero di veicoli sulle strade. Gli ingorghi stradali sono un dispendio di tempo, impediscono ai veicoli di emergenza di raggiungere le persone da soccorrere, e fanno innalzare i livelli di emissioni nocive di carbonio. Tutti questi problemi potrebbero essere affrontati da sistemi di trasporto intelligenti.

I ricercatori dell’Università di Žilina in Slovacchia, specializzata in trasporti e comunicazioni, hanno portato allo sviluppo di un progetto quinquennale che “ha attirato numerosi ricercatori internazionali presso l’UNIZA sia in Europa che a livello internazionale, ad esempio dall’Italia, dall’Iran e dal Canada, aumentando enormemente il suo profilo di ricerca e migliorando le nostre conoscenze in sistemi di trasporto intelligenti”, spiega Tatiana Kováčiková, titolare della cattedra dello Spazio europeo della ricerca (SER).

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

La prima delle tre azioni consiste nel gemellaggio e nel lavoro di gruppo. È volta ad attirare i migliori accademici e ricercatori, sotto la supervisione del titolare della cattedra ERA. La sovvenzione è una misura di accompagnamento e finanzia gli stipendi del gruppo.

Il gruppo così costituito ha stretto un partenariato strategico tra la città di Bratislava e Žilina, aprendo la strada a un’ulteriore cooperazione su progetti di ricerca e innovazione (R&I). Il team ha anche tradotto documenti amministrativi in ​​inglese per ampliare la portata dell’università.

Il progetto si è concentrato su sistemi di trasporto intelligenti cooperativi, che hanno comportato lo sviluppo di soluzioni digitali per collegare i diversi tipi trasporto cittadini: reti sotterranee, autobus, tram, treni, automobili, biciclette e veicoli di emergenza. Nel complesso, mirava a facilitare il flusso del traffico e migliorare l’efficienza dei viaggi in città.

Il progetto H2020 MOTIV legato a Eradiate ha creato un’app che aiuta gli utenti a trovare il modo più veloce per andare da un punto all’altro della città. L’app tiene traccia delle attività quotidiane di un utente, consentendogli di calcolare e prevedere esigenze e aspettative di trasporto. Il prossimo passo nello sviluppo dell’app sarà l’integrazione di tecnologie emergenti come le auto autonome. I ricercatori hanno inoltre sviluppato sistemi per consentire alle auto di comunicare con le infrastrutture di trasporto, come i semafori e con altri veicoli.

La collaborazione nell’ambito del MOTIV ha anche spianato la strada a un nuovo progetto slovacco-israeliano chiamato Seneca, che si concentra sui veicoli di emergenza. I responsabili spiegano che “i veicoli di emergenza hanno problemi a raggiungere un incidente o l’ospedale, e in queste situazioni secondo è importante”. Il sistema IT che è in fase di sviluppo permetterà ai veicoli di emergenza di comunicare con automobili e infrastrutture di trasporto in modo da abbassarne i tempi di percorrenza.

Grazie al lavoro svolto finora, il team ERADIATE è stato trasformato in un dipartimento per i progetti europei di ricerca e innovazione presso l’UNIZA. Ricercatori internazionali stanno lavorando su veicoli connessi e autonomi, tendenze attuali e prospettive future per una mobilità sostenibile e intelligente e città intelligenti per le persone.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Windows 10 obbliga a creare un account Microsoft per l’installazione, ma c’è il trucco

next
Articolo Successivo

Sony Xperia 5 è uno smartphone ergonomico con elevate prestazioni che brilla per l’autonomia

next