“Chiediamo una legge di bilancio che renda evidente che la lezione è stata compresa. Non rispondeteci con un un elenco di 27 o 39 proposte diverse. Non parlateci di nuovo umanesimo e di nuovo rinascimento. L’appello che rivolgiamo a Conte è uno solo: questa volta, stupiteci! L’Italia è ferma. Ci dica 3 cose essenziali che il suo governo intende fare per rilanciarla”. Carlo Bonomi, alla sua terza assemblea a capo di Assolombarda, raccoglie gli applausi degli imprenditori e lancia un appello al premier Giuseppe Conte, alla Scala di Milano per l’assise degli imprenditori. Non risparmia critiche alla politica, ma fa un’apertura di credito al governo, il terzo diverso in tre anni e soprattutto chiede di voltare pagina. In primis, gli industriali lombardi chiedono “fondamentali elementi di discontinuità”, archiviando reddito di cittadinanza e quota 100, e invocano concretezza. E in vista della legge di bilancio, Bonomi insiste sul cuneo fiscale. Per abbatterlo, dice, “non servono pochi miliardi” ma “almeno 13 o 14, non certo i 2 miliardi e qualcosa di cui leggiamo nella Nadef“.

Davanti a Bonomi c’è il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che incassa un lungo applauso e una standing ovation, ma anche, tra gli altri, i ministri della Difesa e dell’Interno, Lorenzo Guerini e Luciana Lamorgese, oltre alla presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati. E poi, ancora, il numero uno di Confindustria, Vincenzo Boccia, la presidente di Eni, Emma Marcegaglia, Fedele Confalonieri (Mediaset) e altri big del mondo finanziario. Bonomi fa ricorso al classico metodo del bastone e della carota rivolgendosi all’inquilino di Palazzo Chigi. “Noi apprezziamo i nuovi propositi, ma non dimentichiamo quello che abbiamo visto e sentito nei 14 mesi precedenti. Non possiamo dimenticare che quel governo ci ha promesso di cancellare la povertà, invece ci ha restituito la stagnazione“. Ma c’è di più, perché Bonomi avverte – con riferimento a Luigi Di Maio e Matteo Salvini, senza nominarli – che “non si guida un Paese da un balcone o da una spiaggia“. E, dopo un colloquio con Conte, con sul tavolo anche i temi dei giovani e della sostenibilità ambientale, apprezza la mano tesa dal premier: “Ha detto che le porte di Palazzo Chigi saranno aperte per avere un dialogo e una collaborazione. Ritengo dunque che si sia aperta una finestra positiva che può portare il Paese a tornare a crescere”. D’altronde, nell’appello finale dove parla anche del ‘metodo Milano’, dice a gran voce: “Restiamo uniti. Tutti. Insieme”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banche, Mustier (Unicredit): “La Bce dica di applicare i tassi negativi ai clienti con più di 100mila euro sul conto”

next
Articolo Successivo

Istat, secondo trimestre: deficit/Pil cala a 1,1%, dato semestrale migliore dal 2000. Pressione fiscale sale al 40,5%. Crescita rivista: +0,1%

next