I beneficiari del reddito di cittadinanza che hanno presentato la domanda nel mese di marzo devono fare un’integrazione per poter continuare a percepire il sussidio senza sospensioni. Il modello che hanno utilizzato i primi richiedenti infatti è stato poi modificato, il 2 aprile 2019, a seguito delle modifiche apportate dalla legge di conversione del decreto legge istitutivo del reddito di cittadinanza. La legge di conversione ha previsto un regime transitorio di sei mesi che ora è in scadenza: per questo, spiega l’Inps, da domani (venerdì 4 ottobre) ed entro il 21 ottobre, dovrà essere presentata una domanda integrativa per poter continuare a percepire il sussidio senza interruzioni. I beneficiari che non lo faranno, perderanno il beneficio che spetta loro per il mese di ottobre.

Da ottobre, infatti, occorre “allineare il contenuto delle dichiarazioni già rese da chi ha presentato la domanda nel mese di marzo, a quello previsto dopo la conversione in legge del decreto legge n.4″, scrive l’Inps. “Solo per le domande aggiornate fino al 21 ottobre – aggiunge l’Istituto – sarà possibile l’elaborazione nei tempi utili per la liquidazione della rata di Rdc o Pdc spettante per la mensilità di ottobre. Per chi effettuerà l’aggiornamento dopo il 21 ottobre, la prestazione resterà sospesa sino all’acquisizione della dichiarazione”.

COME FARE – Per integrare il modello presentato a marzo, per i beneficiari sarà possibile da venerdì accedere al seguente link: https://serviziweb2.inps.it/RedditoCittadinanza/autocertificazione. L’Inps lo comunicherà a tutti gli interessati, tramite i recapiti sms/e-mail indicati nel modello di domanda. Il richiedente dovrà inserire il protocollo della pratica RdC/PdC, il codice fiscale e il codice alfanumerico ricevuto via email o sms. A quel punto potrà procedere a sottoscrivere le dichiarazioni necessarie. Agli sportelli dell’Inps sarà possibile chiedere assistenza per eseguire la procedura, così come sono stati informati anche i Caf e i patronati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rider, c’è anche chi è favorevole al cottimo: “È meritocratico, io guadagno bene”. Il gruppo Deliverance: “Sono manovrati dalle aziende”

prev
Articolo Successivo

Embraco, il lavoratore contesta Calenda: “Vergognati”. E l’ex ministro: “Stai zitto, senza di me saresti senza lavoro”

next