“Il mondo ha chiuso gli occhi, non è possibile che rimanga zitto”. Milano, piazza Duomo. A parlare sono due donne eritree scese in piazza per ricordare la tragedia di Lampedusa del 3 ottobre 2013 che costò la vita a 366 migranti. In occasione della giornata mondiale per le vittime dell’immigrazione, i promotori della campagna ‘Io accolgo‘ (alla quale aderiscono diverse realtà tra cui Medici senza Frontiere, Arci, Caritas e Cgil) hanno riunito decine di persone per ricordare i morti in mare (oltre 19mila negli ultimi anni) e lanciare un appello al Governo. Una coperta dorata sulle spalle, simbolo di quell’accoglienza spesso negata. “Vogliamo che la politica cambi sul tema dei migranti”, dichiara Corrado Mandreoli, promotrice della campagna. “Chiediamo al governo”, continua Francesca Silva, direttrice operativa CIAI, realtà che si occupa di adozioni internazionali e diritti dell’infanzia,“di abrogare gli accordi con la Libia e i decreti sicurezza, rispettando la dignità e la libertà delle persone di muoversi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pignatone in Vaticano, la scelta di un pm antimafia non si improvvisa in poche ore. Papa Francesco manda un chiaro segnale

next
Articolo Successivo

Uffizi, Schmidt rinuncia ad andare a Vienna ma nessuno sapeva della ricandidatura a Firenze. Franceschini lo gela: “Vuole il bis? Chiarisca”

next