È morto nel tardo pomeriggio a Milano Giorgio Squinzi, l’ex presidente di Confindustria, amministratore unico di Mapei, azienda fondata dal padre Rodolfo nel 1937, e proprietario dal 2002 del Sassuolo calcio. Squinzi, 76 anni, era malato da tempo: da un paio di settimane era ricoverato all’ospedale San Raffaele. Lascia la moglie Adriana e i figli Marco e Veronica.

Nato a Cisano Bergamasco, si è laureato in Chimica industriale nel 1969 ed è subito entrato nell’azienda di famiglia (Mapei, Materiali ausiliari per edilizia e industria). Nel 1970 insieme al padre, ha poi fondato la Mapei Snc, diventata Spa 6 anni dopo e della quale ha assunto prima il ruolo direttore generale e poi di amministratore unico. Nel 1997 è stato eletto presidente di Federchimica, poi riconfermato nel 2005. Nel 2006 è stato nominato vicepresidente della Confederazione delle Industrie chimiche europee e nel 2008 ha ricoperto la carica di vicepresidente di Assolombarda e di membro del consiglio direttivo di Assopiastrelle. Infine, nel 2012 diventa il numero uno di Confindustria che ha guidato per 4 anni fino al 2016, duranti i quali si batté anche per la deroga ai vincolo di bilancio europei e a favore dell’emissione di Eurobond a lungo termine per finanziare infrastrutture e ricerca. Nel 2016 è stato nominato presidente del consiglio di amministrazione del Gruppo 24 Ore, ma si è dimesso dopo poco tempo a causa del bilancio in rosso e delle polemiche del cdr.

“L’ho saputo da pochi minuti, sono scosso e devo riordinare le idee”, dice all’Adnkronos Carlo Rossi, presidente del Sassuolo. Oltre alla proprietà del club emiliano, portato dalla C2 alla Serie A, la famiglia Squinzi ha sponsorizzato per dieci anni la squadra di ciclismo professionistica Mapei-Quick Step, vincendo con lo svizzero Tony Rominger il Giro d’Italia e la Vuelta, ma anche tutte le Classiche di un giorno tranne la Milano-Sanremo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti Roma, i presidi chiedono l’intervento dell’Asl: “Valutare chiusura delle scuole”

next
Articolo Successivo

Lampedusa, sbarco nella notte. “Io, riportato indietro 3 volte dalla mafia”: così i migranti in Libia chiamano la guardia costiera di Tripoli

next