Il tribunale di Roma ha respinto l’istanza con la quale Rudy Guede ha chiesto di essere affidato ai servizi sociali. L’ivoriano di 32 anni è l’unico condannato per l’omicidio di Meredith Kercher – avvenuto a Perugia il primo novembre 2007 – e sta scontando nel carcere di Viterbo la pena di 16 anni di reclusione. I giudici gli hanno però concesso la semilibertà, consentendogli di collaborare con il Centro studi criminologici di Viterbo per alcune ore al giorno rientrando in carcere la sera. La notizia è stata data dall’agenzia Ansa.

Il provvedimento scaturito dall’udienza che si è tenuta il 20 settembre davanti al tribunale è stato notificato oggi a Guede. I giudici hanno così in parte accolto un’istanza del suo legale, l’avvocato Fabrizio Ballarini. Secondo i pareri degli operatori e gli psicologi della casa circondariale di Viterbo dove è già stato detenuto per 12 anni, Guede – apprende sempre l’Ansa dalla sua difesa – si è sempre comportato “in maniera esemplare” e il tribunale ha “preso atto” della qualità del percorso didattico e umano dell’ivoriano. Guede, peraltro, già collaborava con il Centro studi criminologici di Viterbo in base all’articolo 21 del regolamento carcerario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ultraleggero precipitato a Bergamo, dopo la figlia muore anche il padre-pilota. Ancora in ospedale le altre due sorelle

next
Articolo Successivo

Roma, Agenzia per controllo e qualità: “In calo tutti i 18 servizi pubblici, si salva solo l’acqua”. I più scontenti? I cittadini del centro

next