È indagato per un tentato omicidio compiuto quando già sedeva a Palazzo Chigi. Ed è un omicidio con il quale – in linea teorica – non dovrebbe avere nulla a che fare. C’è anche il piano di morte del pentito Salvatore Contorno tra le accuse che hanno portato la procura di Firenze a iscrivere nel registro degli indagati il nome di Silvio Berlusconi. L’informazione è contenuta nella relazione di due pagine prodotta dagli avvocati dell’ex premier agli atti del processo sulla Trattativa Stato-mafia, in corso davanti alla corte d’Assise d’Appello di Palermo. I giudici del capoluogo siciliano vorrebbero sentire la deposizione di Berlusconi, come richiesto dalla pubblica accusa e dalla difesa di Marcello Dell’Utri. I legali di Arcore, però, si sono opposti: in che veste deve essere sentito Berlusconi? In quelle di teste o da indagato di reato connesso, con la facoltà di non rispondere?

Le accuse di Firenze – I giudici siciliani decideranno il 3 ottobre prossimo, alla luce della documentazione depositata da Franco Coppi e Niccolò Ghedini. Gli avvocati di Berlusconi, infatti, hanno chiesto alla procura di Firenze di mettere nero su bianco se il loro assistito è ancora indagato per le stragi del 1993. Una notizia nota dall’ottobre del 2017, pochi mesi dopo la diffusione delle intercettazioni in carcere di Giuseppe Graviano. Due anni dopo la procura toscana conferma: Firenze indaga ancora su Berlusconi. Per la prima volta viene messo nero su bianco che l’ex presidente del consiglio è accusato di tutta la strategia stragista del 1993: dal fallito attentato contro Maurizio Costanzo alle bombe di Roma, Milano e Firenze. Berlusconi è già finito sotto inchiesta a Firenze e Caltanissetta per le stragi: per due volte è sempre uscito dalle indagini grazie a un provvedimento di archiviazione.

L’attentato a Contorno dopo l’arresto dei Graviano – Tra le ventitré contestazioni dei giudici fiorentini, però, questa volta ce n’è anche una assolutamente inedita: il tentato omicidio del pentito Contorno del 14 aprile del 1994. All’epoca Berlusconi era stato già eletto presidente del consiglio da 16 giorni. A cercare di uccidere Contorno – il secondo pentito più importante della storia di Cosa nostra dopo Tommaso Buscetta – furono Gaspare Spatuzza e gli altri uomini del gruppo di fuoco dei fratelli Graviano. Agli occhi dei boss di Brancaccio Contorno ha una colpa non emendabile: avrebbe partecipato all’eliminazione del loro padre, Michele Graviano. Quando Spatuzza si muove per eliminarlo, però, i fratelli Graviano sono già in carcere da tre mesi: vengono arrestati il 27 gennaio del 1994 e da allora non un solo colpo sarà sparato nella Penisola. “Lo sai cosa scrivono nelle stragi? Nelle sentenze delle stragi, che poi sono state assoluzione la Cassazione e compagnia bella: le stragi si sono fermate grazie all’arresto del sottoscritto“, dice a un certo punto lo stesso Graviano, intercettato in carcere nel 2017 col compagno di socialità, Umberto Adinolfi. Perché allora Spatuzza, ormai orfano del suo boss che gli aveva fino a quel momento indicato ogni obiettivo della strategia stragista, decide di rischiare provando a uccidere Contorno? Stiamo parlando dell’omicidio di un collaboratore di giustizia, nascosto a Formello, nei dintorni di Roma. Per provare ad ammazzarlo Spatuzza piazza nei dintorni della sua abitazione 70 chili di esplosivo, che però furono ritrovati dale forze dell’ordine: il rischio di finire in galera per assassinare un vecchissimo nemico, insomma, era molto alto. Perché Spatuzza scelse di correrlo comunque quel rischio?

“Dell’Utri gli disse dove si trovava” – E dire che poco prima dell’arresto dei Graviano, lo stesso killer aveva discusso con il suo capo dell’eventuale eliminazione di Totuccio. Lo fa durante l’ormai noto incontro del 21 gennaio del 1994. “Incontrai Giuseppe Graviano all’interno del bar Doney in via Veneto, a Roma. Graviano era molto felice, come se avesse vinto al Superenalotto, una Lotteria. Poi mi fece il nome di Berlusconi. Io gli chiesi se fosse quello di Canale 5 e lui rispose in maniera affermativa. Aggiunse che in mezzo c’era anche il nostro compaesano Dell’Utri e che grazie a loro c’eravamo messi il Paese nelle mani. E per Paese intendo l’Italia”. A quel punto il pentito fa la sua proposta al suo capo: “Io ho provato a dire se non fosse il caso di occuparci di Totuccio Contorno, lo avevamo rintracciato a Roma ma Graviano disse lascia stare Contorno perché l’attentato ai carabinieri si deve fare lo stesso sia perché gli dobbiamo dare il colpo di grazia sia perché per Contorno dobbiamo trovare un tipo di esplosivo diverso” . Queste parole di Spatuzza dicono agli inquirenti due cose: Graviano non voleva che l’attentato all’assassino di suo padre fosse ricollegabile agli altri fatti di sangue compiuti in quei mesi, perché? E poi che i boss sapevano dove fosse nascosto Contorno – che era un collaboratore di giustizia – già tre mesi prima del tentato omicidio: come fanno a saperlo? “I Graviano dissero a mio padre che fu Dell’Utri, attraverso i servizi segreti deviati, a fargli sapere dove si trovava”, ha raccontato nei giorni scorsi durante il processo d’appello sulla Trattativa il pentito catanese Francesco Squillaci, che si è autoaccusato di 14 delitti senza mai essere stato chiamato in causa. Perché Dell’Utri avrebbe dovuto far sapere dov’era Contorno ai Graviano?

“Il politico di Milano sapeva dove erano i pentiti” – Una risposta gli investigatori sono andati a cercarla tra i vecchi verbali di un altro ex componente del gruppo di fuoco di Brancaccio: Pietro Romeo. Nel 1995 ha dichiarato di aver saputo da Francesco Giuliano (altro boss all’ordine dei Graviano) che “c’era un politico di Milano che aveva detto a Giuseppe Graviano di continuare a mettere le bombe. Il politico diceva di fare questi attentati a cose di valore storico, artistico“. E poi che il politico “doveva dare a Graviano Giuseppe indicazioni su dove erano custoditi i pentiti“. Sempre lo stesso politico “aveva entrature per arrivare a sapere dove erano tutti i pentiti“. Chi era questo “politico di Milano“? Romeo lo dirà l’anno dopo, nel 1996: mentre si trovavavano in un agrumeto di Ciaculli, nei dintorni di Palermo, Giuliano aveva chiesto “a Spatuzza se era Berlusconi la persona che c’era dietro gli attentati. Spatuzza aveva risposto di sì”. Dichiarazioni dirompenti, anche se quella pista sarà abbandonata dagli inquirenti fiorentini sulla base di altre deposizioni di pentiti.

I verbali di Cancemi e il Contorno sbagliato – Gli investigatori, però, continuano a interrogarsi su una domanda: perché Spatuzza avrebbe dovuto rischiare così tanto per uccidere Contorno, dopo l’arresto dei suoi capi? Gli stessi capi, che pochi giorni prima di finire in manette avevano indicato tra le priorità l’attentato contro i carabinieri – cioè quello fallito allo stadio Olimpico – e non l’assassinio del vecchio nemico mafioso. Tra le piste battute dagli inquirenti ce n’è una. Il 20 marzo del 1994 mancano sette giorni alle elezioni politiche. Il quotidiano Repubblica fa uno scoop: i verbali del pentito Totò Cancemi. Il boss di Porta Nuova parla di Berlusconi, di Dell’Utri, di Vittorio Mangano. E di strani ospiti che avrebbero trovato asilo “nella tenuta tra Milano e Monza“. Quale tenuta? Non si sa. Tra gli altri, dice Cancemi, vi trovarono rifugio “durante la latitanza i fratelli Grado e Contorno“. All’epoca gli investigatori pensarono subito che si trattasse di Totuccio Contorno. Che però ha negato subito: “No, non sono io. Credo che sia Giuseppe Contorno… In quegli anni lui aveva interessi a Milano con i Pullarà, Ignazio e Giovambattista”. Due settimane dopo cercarono di ammazzarlo a Formello. Ora per quel tentato omicidio è indagato anche Berlusconi.

Twitter: @pipitone87

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Firenze, uccise i tre gatti della ex: Corte d’Appello conferma la condanna a un anno e sei mesi

prev
Articolo Successivo

Eni, Descalzi e la moglie perquisiti: sono indagati per omessa comunicazione di conflitto di interessi in Congo

next