Un’opera dedicata a Senna sulla facciata del MAICC, il Museo Multimediale Autodromo di Imola Checco Costa: il famoso street artist brasiliano Eduardo Kobra è arrivato in Italia, insieme ai suoi assistenti Agnaldo Brito e Marcos Rafael portando nell’autodromo un po’ della sua arte e dei suoi colori.

Ayrton Senna, un nome diventato leggenda

Appassionati di motorsport e non, tutti conoscono il nome di Ayrton Senna, il pilota brasiliano che è diventato un’icona, un mito, una leggenda della formula 1. E proprio lì, in pista, dove regalava emozioni ai migliaia di spettatori, ci ha lasciato, una terribile domenica in un tragico incidente.

Come dimenticare il 1 maggio del 1994: si correva sul circuito di Imola, il circuito che porta ancora sulle spalle il fardello di questo triste ricordo. Senna era magico, in tutto quello che faceva con la sua monoposto. Era determinato, velocissimo, di una precisione unica sia in qualifica che in gara, non sbagliava un colpo e lasciava i suoi avversari spesso indifesi, sembrando quasi invincibile. Non a caso è ricordato come Senna il Magic.

Un grande pilota, un grande uomo

Senna era amato da tutti, era il campione dal casco giallo e dalla tuta rossa. Era quello che sotto il diluvio riusciva a mangiare secondi agli altri piloti. Era quello che doveva vincere a tutti i costi e raggiungere la perfezione ad ogni giro. Ma era anche, e soprattutto, un uomo buono e di cuore, un esempio da seguire.

Aveva un solo amore più grande di quello per le corse, quello per Dio. Ha dichiarato di averlo visto accanto a lui in pista sulla griglia di partenza; il suo equilibrio diceva di trovarlo attraverso la fede. Sulla sua tomba c’è scritto: “Niente mi può separare dall’amore di Dio”.

Il murales in suo onore ad Imola

Il murales sarà sicuramente un modo per ricordare la sua grandezza e tutti i visitatori dell’autodromo potranno goderne della vista appena entrati. Con questa è la terza opera che Kobra realizza in onore del campione brasiliano, suo connazionale: la prima si trova a San Paolo, mentre la seconda a Rio de Jainero.

Il noto street artist ha scelto proprio Imola grazie al festival svoltosi lo scorso weekend nell’autodromo, il RestArt Urban Festival, dedicato alla street art e alla urban culture, organizzato dall’Associazione Culturale NOIGIOVANI. Al termine del festival sono iniziati i lavori dell’artista brasiliano, che fino al 30 novembre ospiterà la mostra “Ayrton Magico, l’anima oltre i limiti”. Il murale rimarrà permanentemente.

Chi è Eduard Kobra

Eduard Kobra, nato e cresciuto in Brasile, è uno dei più importanti artisti nel panorama della street art. I suoi murales si riconoscono subito per i colori vivaci e caleidoscopici e riempiono di bellezza i muri di tantissime città del mondo: la cosa che più colpisce sono i temi che affronta attraverso le sue opere, come la lotta contro l’inquinamento, il riscaldamento globale e la guerra. Ora anche l’autodromo di Imola potrà vantarsi di possedere un pezzetto della sua meravigliosa arte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mercato auto in calo? Anziché piangersi addosso investiamo rapidamente nell’elettrico

prev
Articolo Successivo

Greta Thunberg, all’auto conviene stare con lei

next