Ter minuti di stop perché dagli spalti arrivavano cori razzisti. È stata interrotta la sfida tra Atalanta e Fiorentina, valida per il quarto turno di serie A, che si è disputata allo stadio Tardini di Parma. Lo stop è stato deciso dall’arbitro Daniele Orsato alla mezz’ora del primo tempo, dopo che il giocatore dei viola Dalbert ha riferito di aver udito dei cori razzisti dai tifosi dell’Atalanta. L’arbitro ha quindi applicato il regolamento. Dopo l’annuncio di rito dello speaker dello stadio, accompagnato dai fischi del pubblico, il direttore di gara ha fatto riprendere il gioco.

Mentre l’arbitro decideva di fermare la partita il presidente della Fifa, Gianni Infantino, era ospite di 90esimo minuto su Rai2. “Il razzismo si combatte con l’educazione, condannando, parlandone, non si può avere razzismo nella società e nel calcio. In Italia la situazione non è migliorata e questo è grave“, ha detto il numero uno della massima organizzazione calcistica italiana. Poi Infantino ha spiegato come combattere il razzismo nel calcio: “Bisogna identificare gli autori e buttarli fuori dagli stadi. Ci vuole, come in Inghilterra, la certezza della pena. Non bisogna avere paura di condannare i razzisti, dobbiamo combatterli fino alla fine”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Serie A, Llorente lancia il Napoli: 4-1 al Lecce. Dzeko all’ultimo respiro e la Roma passa a Bologna. La Sampdoria manda k.o. il Torino

prev
Articolo Successivo

Milan provinciale, così vince sempre l’Inter. Ormai del derby di Milano è rimasto solo il tifo

next