Quanto vale il nuovo partito di Matteo Renzi? Poco più del 5%. Lo sostiene l’istituto Demopolis , che tra il 18 e il 19 settembre ha condotto un sondaggio per il programma Otto e Mezzo su La7. Secondo l’istituto guidato da Pietro Vento la Lega si conferma primo partito con il 33%, il Movimento 5 Stelle torna secondo con il 20,5% e supera di circa un punto il Pd. I dem, proprio per l’effetto della scissione, si attestano oggi al 19,4%. Fratelli d’Italia con il 7% scavalca di un punto Forza Italia (al 6%). In coda, appunto, Italia Viva di Renzi al 5,2%. Un numero più alto rispetto al 3,5% accreditato alla nuova formazione politica creata dell’ex premier.

A questo proposito l’Istituto di Vento ha analizzato la composizione, piuttosto trasversale, del consenso potenziale al nuovo partito di Renzi, in base all’autocollocazione politica degli elettori: 4 su 10 si definiscono di Centrosinistra, circa un terzo di Centro, il 20% di chi voterebbe Renzi si colloca nel centodestra. “Significativa – spiega il direttore di Demopolis – è la percezione dell’opinione pubblica sugli effetti che la scissione nel PD ed il protagonismo dell’ex premier potranno avere sul percorso dell’Esecutivo. Per appena il 6% avranno un effetto positivo; per il 35% si indebolirà il Conte bis. Per quasi 1 italiano su 2, la nascita di Italia Viva non avrà, almeno per il momento, effetti significativi sulla vita e sulla tenuta del Governo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Di Maio: “Esperienza nata per il taglio parlamentari. Non ci sono frizioni”. E su Di Battista: “Tutti liberi di parlare”

next
Articolo Successivo

Alto Adige, a una settimana dalle elezioni i popolari e la destra austriaca rilanciano l’idea del doppio passaporto per i sudtirolesi

next