“Io credo che questo governo sia nato, questa estate in un solo mese, perché l’obiettivo era non permettere a chi voleva far cadere il governo di non tagliare i parlamentari. Mancano due ore e lo potremmo fare. Ma questo è uno dei motivi per cui Salvini ha fatto cadere il governo”. Così il capo politico M5S e ministro degli Esteri Luigi Di Maio, incontrando i cronisti ad Assisi. Con il via libera alla riforma per ridurre il numero dei parlamentari, insomma, si mostra che “questo governo è nato contro le poltrone”, sottolinea Di Maio che poi continua rispondendo a chi gli chiedeva conto delle parole di Alessandro Di Battista, che è tornato ad esprimere perplessità sul Pd: “Ieri qualcuno mi ha detto di tenere a bada chi parla nel M5S. Io credo che in tutte le forze politiche ci sia la libertà di espressione, ognuno è libero di esprimere il proprio pensiero, noi pensiamo ai fatti, pensiamo a realizzare la prima grande riforma di questo governo che è il taglio dei parlamentari”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Umbria, Di Maio: “Mi interessa departitizzare le giunte regionali. Servono persone competenti”

prev
Articolo Successivo

Sondaggi, dopo la scissione Pd al 19%. Il nuovo partito di Renzi vale il 5%. Per un italiano su due non avrà effetti significativi sul governo

next