“Sono emozionata, vorrei che Stefano, in qualche modo, potesse sentire le parole del pubblico ministero. Sono grata allo Stato ed alla Procura per quello che ha fatto con questo processo, che è il vero processo sulla vicenda e non quello che si è celebrato contro gli agenti della penitenziaria”. A rivendicarlo Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, parlando al termine dell’udienza in Corte d’assise, dopo la prima parte della requisitoria del pm Musarò. “Quando oggi ho sentito il pm parlare di quale essere umano così crudele potesse far tanto al corpo di Stefano ho ripensato a lui steso nella camera d’obitorio”, ha aggiunto. E sui teste: “Mi impressiona che quanti hanno parlato avevano solo da perdere”. Sulle parole del pm Musarò è intervenuto anche Fabio Anselmo, legale della famiglia Cucchi: “Avete dimenticato le foto di Stefano? Il suo corpo parlava“.

E, in merito alle indagini, il pm ha concluso la sua prima parte della requisitoria (che continuerà il 3 ottobre prossimo, ndr) sulla figura di Francesco Tedesco, il carabiniere imputato che ha ammesso il pestaggio commesso dai due colleghi. Musarò ha però sottolineato: “La dichiarazione di Tedesco ha una rilevanza probatoria modesta, quasi nulla. È importante perché rappresenta la caduta del muro, ma le prove di quanto accaduto sono già tutte nel fascicolo“”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cucchi, il pm Musarò: “Pestaggio violentissimo contro una persona fragile, degno di teppisti da stadio”

prev
Articolo Successivo

Messina, in Appello ridotta la condanna per l’ex deputato Pd Genovese: sei anni e otto mesi

next