Il Psi, grazie a Matteo Renzi e ai suoi, torna ad avere un gruppo in Parlamento: l’ultima volta era stato nella dodicesima legislatura (1994-1996). Negli ultimi vent’anni i socialisti hanno avuto eletti nelle Camere, ma non erano mai abbastanza per avere una formazione autonoma. Questo fino all’arrivo degli scissionisti del Partito democratico, che hanno dato all’unico senatore eletto con il Psi Riccardo Nencini la chance di avere il proprio gruppo. L’annuncio è arrivato oggi: a Palazzo Madama è nato Psi-Italia viva. Per i renziani l’unione era necessaria per evitare di finire nel Misto. Il regolamento del Senato infatti, prevede che possano nascere nuove formazioni solo se si sono presentate alle elezioni e questo proprio per evitare i cambicasacca e le fuoriuscite dai partiti dopo le elezioni. Alla Camera la norma non è prevista e Italia viva formerà un gruppo autonomo, perché ha l’unico requisito richiesto cioè un minimo di 20 deputati.

I socialisti però, si sono affrettati a specificare in una nota il segretario Psi Enzo Maraio e il presidente Nennicini, non si fonderanno con i renziani: “Manterremo la nostra autonomia politica e la nostra identità”, hanno scritto. E hanno anche garantito che “il sostegno governo giallorosso rimane responsabile e leale. Il gruppo parlamentare avrà un taglio riformista che rafforzerà la nostra azione politica, nell’ottica dell’allargamento del campo del centrosinistra”.

Al momento gli scissionisti sono circa una quarantina. Al Senato sono 14: Davide Faraone, Giuseppe Cucca Matteo Renzi, Laura Garavini, Eugenio Comincini, Leonardo Grimani, Mauro Marini, Daniela Sbrollini, Ernesto Magorno, Francesco Bonifazi, Teresa Bellanova, Donatella Conzatti (da Forza Italia), Valeria Sudano, Nadia Ginetti. Alla Camera sono 25: Luca Nobili, Matteo Colaninno, Lisa Noja, Silvia Fregolent, Gianfraco Librandi, Michele Anzaldi, Massimo Ungaro, Raffaella Paita, Marco Di Maio, Maria Elena Boschi, Ettore Rosato, Nicola Carè, Gabrile Toccafondi, Cosimo Ferri, Roberto Giachetti, Maria Chiara Gadda, Lucia Annibali, Sara Moretto, Mauro Del Barba, Luigi Marattin, Mattia Mor, Camillo D’Alessandro, Gennaro Migliore, Vito De Filippo, Ivan Scalfarotto

Intanto oggi Matteo Renzi, nella sua enews, ha annunciato che tra il 15 e il 17 ottobre farà un confronto con Matteo Salvini a Porta a porta su Rai1: “Mi fa piacere che Salvini abbia accettato”, si legge. “Finalmente ci confronteremo con l’omonino. Sarà divertente“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renzi non ha fondato un partito di sinistra, anzi. Magari raccoglierà il testimone di B

prev
Articolo Successivo

Governo, D’Alema: “Importante sia in sintonia col Paese, mi fido di Conte”. E non parla di Renzi

next