“A chi dice che i più ricchi dovrebbero pagare rispondo che il nido, come l’asilo, le elementari e le medie, fa parte di un progetto educativo più ampio. Di un percorso pedagogico di lungo respiro, che si traduce in minori tassi di abbandono scolastico e azzeramento statistico di rischi di bullismo“. E permette ai genitori di arrivare a fine mese senza l’acqua alla gola. Dall’inizio di questo anno scolastico Isabella Conti, sindaca dem di San Lazzaro di Savena, ha inaugurato i nidi comunali gratis per tutti, indipendentemente da Isee e reddito. Nota per essere un simbolo della lotta alla cementificazione selvaggia anche in aperto contrasto col suo partito, a maggio è stata riconfermata alla guida del comune di 30mila persone alle porte di Bologna con l’80% dei voti grazie alla sua lista civica. Aveva promesso asili nido gratis da settembre 2020, un obiettivo che è riuscita ad anticipare di un anno. Ora la sua è la prima amministrazione in Italia che ha annullato le rette per i più piccoli. A beneficiarne sono 300 bambini in 6 poli per l’infanzia (da zero a sei anni). Il via libera arriva dopo una prima parziale sperimentazione nel 2018 e consente alle giovani coppie di pensare a un figlio con meno ansie e alle donne che hanno avuto un bambino di potere tornare a lavorare. Con la speranza di sollevare la natalità del comune che, in linea col trend nazionale, ha un tasso di “anzianità del 210%. Vuol dire che per ogni ragazzo under 15 ci sono 2,1 over 65. Senza contare che il 12-13% ha più di 75 anni”.

Dal sostegno alle famiglie all’impatto sociale: tutti i benefici – Gli asili nido gratis sono il punto di approdo di un percorso che parte da lontano e che ha al centro una parola: welfare. “Stiamo lavorando a questo progetto già dal 2015. La priorità è quella di sostenere famiglie e giovani coppie, che oggi tendono a rinviare il momento per formare una famiglia. Ormai, infatti, ci si può permettere di pagare un affitto o un mutuo solo da adulti“. Difficoltà reali che si traducono in un calo della natalità, in un Paese che vive il declino demografico record degli ultimi cent’anni. “Anche San Lazzaro è in linea col trend nazionale. Ma oltre ad aiutare le famiglie, abbiamo voluto analizzare la questione dal punto di vista pedagogico“. Supportati dai dati. “È stato provato, ad esempio, che il tasso di abbandono scolastico è inferiore nelle aree di maggiore frequenza di nido e materna. In più, chi va al nido accede prima al linguaggio e quando i bimbi si abituano a convivere con i più piccoli si sviluppa una socialità che azzera i rischi di bullismo. I nidi non sono luoghi di babysitteraggio, ma di formazione. Sono scuola, e come tali devono essere liberi e gratuiti per tutti”.

La lotta all’evasione che paga le rette – Un passaggio fondamentale del percorso dell’amministrazione è stata la riqualificazione di una scuola dell’infanzia danneggiata dal terremoto del 2012. “Non abbiamo voluto chiudere o vendere la struttura, ma investire e sperimentare“. Dalla Regione arrivano 300mila euro e il Comune ne mette altrettanti, viene riaperta nel 2018 e diventa il primo polo per l’infanzia del Comune. Già quando nel 2017 la Regione stanzia 7 milioni di euro per i comuni da investire in ambito welfare nella fascia 0-6 anni, la sindaca decide di investirli nel taglio delle rette per chi ha un Isee sotto i 15mila euro. E a settembre 2019 l’amministrazione anticipa quello che, sulla carta, sarebbe dovuto diventare realtà soltanto nel prossimo anno scolastico. E cioè i nidi comunali gratis per tutti indipendentemente da reddito. Un proposito che diventa realtà “con l’aiuto imprescindibile dei contributi regionali”, spiega Conti, ma anche con una serie di tagli agli sprechi, efficientamento energetico e recupero dell’evasione fiscale. “Il Comune ha pagato di tasca propria un milione di euro per la sostituzione di mille punti luce. L’abbiamo fatto senza ricorrere ai privati, tagliando tutti gli interessi che ne sarebbero derivati e ammortizzando i costi. Per recuperare le tasse invece sono andata nel nostro ufficio tributi, dove lavorano in 5. Troppo pochi per fare un lavoro di recupero su 30mila abitanti. Allora abbiamo esternalizzato a una ditta di engineering l’incrocio dei dati per verificare le entrate dal 2016 al 2018. Da lì abbiamo incassato 4 milioni di euro. Insomma, abbiamo fatto quello che si sente sempre dire”. Un’altra strategia per le casse pubbliche, sostiene la sindaca, è stata il taglio degli sprechi all’interno degli uffici comunali: “Spegniamo le luci e l’aria condizionata che non usiamo, ad esempio. E se penso che dal 1999 al 2004 chi governava questo comune ha speso 82mila euro di auto blu e io non ho mai chiesto un rimborso, posso dire che la mentalità è cambiata”. Tutte misure possibili, ci tiene a sottolineare la sindaca, “perché abbiamo un bilancio solido. Capisco che tutto questo non è fattibile per un paesino del Sud che rischia il default. E, oltre ai servizi alle persone, è importante investire nelle infrastrutture“.

I costi della gratuità – “Ho calcolato che per tenere aperti i nidi tra utenze e personale spendevamo 2,5 milioni di euro l’anno. Quello che incassavo dalle rette era di circa 480mila l’anno. Non coprivano neanche il 20%. Mi sono detta che potevamo farcela coi 4 milioni recuperati dall’evasione e i 250mila all’anno di efficientamento energetico“. Nel traguardo della gratuità è stato fondamentale l’apporto della Regione Emilia Romagna, che oggi dà un contributo di mille euro a bambino alle famiglie che hanno un Isee inferiore ai 26mila euro. “Mi sono resa conto che bastava investissi circa 300mila euro l’anno per avere il nido gratuito per tutti”, aggiunge Conti, che specifica come il Comune debba rendicontare “molto attentamente” il contributo regionale. “Vogliamo che questa misura incentivi sempre più i genitori a mandare i loro bimbi al nido. Al momento non abbiamo liste d’attesa, ma sappiamo che una possibilità, che auspichiamo, è l’aumento dei piccoli nelle nostre scuole. Ci stiamo già attrezzando per accoglierli“. Per l’amministrazione di San Lazzaro è anche un modo per abbattere le disuguaglianze, obiettivo dichiarato dal governo e ragione per cui, dice la sindaca, “mi sono trovata d’accordo col discorso di insediamento del Conte 2“.

“In Italia welfare vecchio di 25 anni” – Quella degli nidi gratis, assicura Conti, non è “una misura spot di buon senso ma è strutturale e fa parte della nostra visione di lungo periodo”. Tant’è che la sua amministrazione guarda al futuro con la creazione degli “alloggi cittadini” – “due parole che mi sono inventata io”, precisa la sindaca – per venire incontro a chi oggi non è nella fascia di reddito più bassa, ma è “penultimo” e generalmente escluso dal welfare. “Penso a una giovane coppia, dove lui e lei lavorano, magari hanno un bambino, e prendono poco più di mille euro al mese ciascuno. Devono pagare l’affitto o il mutuo e rischiano di non farcela. Per loro non ci sono misure di sostegno. Anzi, si vedono ‘sorpassati’ da chi ha ancora meno di loro, magari è immigrato, e ha sussidi e casa popolare“. Il problema, dice, “è che oggi si scarica il costo sociale degli ultimi sui penultimi, ma la differenza tra i due non è più, come un tempo, di 25mila euro l’anno, ma di tremila”. Chi è penultimo, così, rischia di scivolare nella povertà senza ammortizzatori sociali. “Vent’anni fa c’era il 10% di ricchi, il 10% di poveri e l”80% di fascia media. Oggi non è più così, ma il sistema di welfare nazionale è rimasto lo stesso. Per le fasce medie, che sono in evidente difficoltà, non esiste”. Quindi l’obiettivo numero due è la casa: “Tra due anni sarà a regime il piano degli alloggi cittadini, ed entro fine anno ne arriveranno già 10. Funzionano diversamente rispetto alle graduatorie delle case popolari, che sono di competenza regionale, e vengono assegnate in base a principi diversi. Sono destinati a giovani coppie, madri sole o vittime di violenza. Sono di proprietà pubblica e con affitti che vanno dai 100 ai 250 euro, e chi ci abita è anche responsabile della manutenzione“. Case che al piano terra avranno anche un nido condominiale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stati Uniti, la stravagante storia dell’unico imperatore Usa. Un sovrano eccentrico che non morì nudo

prev
Articolo Successivo

Eutanasia, il governo Conte rifletta sul termine laicità e ascolti i cittadini rimasti soli

next