Dal 19 al 21 settembre si svolgerà l’evento a tema innovazione “Heroes Meet in Maratea” presso l’omonima località della Basilicata. La manifestazione, giunta alla sua quarta edizione, ha il merito – pressoché unico in Italia – di attrarre al Sud il gotha dell’innovazione italiana, e non solo, in una tre giorni di speech, workshop e networking.

Ospiti d’onore dell’evento saranno Jeremy Rifkin, Asia Argento, Jacopo Fo e altri speaker che consentiranno di abbracciare l’innovazione in tutte le sue forme. Saliranno infatti sul palco personalità di spicco della comunicazione e del marketing, ma anche di medicina e chirurgia, robotica e automazione, trasporti e costruzioni.

Nell’immaginario collettivo la mecca del digitale e della tecnologia in Italia è Milano. Qui hanno sede centrale molte delle principali realtà tech del nostro Paese. Qui nascono le principali agenzie creative digitali, e annesse scuole di marketing digitale. Qui, soprattutto, si svolge la maggior parte degli eventi del settore. Eppure Heroes ha avuto l’ambizione e il cuore di spezzare questa monotonia geografica, portando tutti in Basilicata.

Si dice che un’azienda sia la proiezione imprenditoriale del suo fondatore. Per questo Michele Franzese, co-founder della manifestazione insieme ad Andreina Serena Romano, ha costruito un evento a sua immagine e somiglianza. Professionista del Sud, ha voluto fare della relazione tra persone il punto di forza del suo evento.

Nelle grandi città come Milano e Roma, infatti, gli eventi tech e digital tendono ad essere dispersivi. I partecipanti solitamente arrivano, consumano gli speech più legati ai propri scopi professionali e fuggono via per fare quanto prima immediato ritorno alla propria vita.

Heroes Meet in Maratea è strutturato per aggregare speaker e partecipanti a tutti i livelli sotto una stessa maxi location da cui gli invitati capitolini e meneghini si trovano rispettivamente a quattro e otto ore di distanza di treno da casa. Si è piacevolmente costretti a far parte di un’unica grande famiglia da mattina a sera, e per tre giorni consecutivi.

È un escamotage geografico non da poco quello che consente all’ultimo degli studenti universitari, o al più junior dei professionisti digitali, di vivere, mangiare e dormire sotto lo stesso per tre giorni di fila con i suoi “eroi”, qui simbolicamente definiti come i valorosi rappresentanti dell’innovazione a tutti i livelli.

Nell’economia delle relazioni una stretta di mano può avere un impatto significativo per la propria vita. Connettere startup e investitori, freelance e clienti, manager e aziende significa facilitare le opportunità di business tra persone curiose e consentire a una parte del Paese di fare bene, insieme.

Nelle parole del co-founder Michele Franzese “questa edizione sarà speciale perché esalterà ancora di più la collaborazione tra partecipanti e speaker, coinvolti assieme sulle grandi sfide del nostro tempo nel corso di tavoli di lavoro. Ma ciò che fa di ogni edizione un’edizione speciale – prosegue Franzese – sono le oltre 1500 persone che ci raggiungono a Maratea, in questa ‘periferia’ che per tre giorni diventa la Capitale del Futuro”.

A coronare un’esperienza già ricca di per sé ci penserà una competizione che perfettamente coglie lo Zeitgeist attuale, lo spirito del tempo dell’era digitale. È la startup competition che premierà una delle cinque startup finaliste con un premio da 50mila euro.

Al contempo, per coloro che hanno una solida idea imprenditoriale e non hanno fatto in tempo a candidarsi alla startup competition di Heroes, sarà possibile recarsi durante l’evento presso lo stand fisico di SisalPay e candidarsi per GoBeyond 2019. La call for ideas, giunta alla sua terza edizione, mette in palio 20mila euro per l’idea più innovativa, utile, fattibile e scalabile per la persona o per il sociale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Che cosa pensa di voi l’Intelligenza Artificiale? Scoprirlo potrebbe non piacervi!

prev
Articolo Successivo

Biorobot azionati dai muscoli potrebbero rivoluzionare la bioingegneria

next