“La scissione di Renzi? Un errore, altrimenti avrei aderito. Resto nel Pd“. A rivendicarlo ai microfoni de IlFattoquotidiano.it il capogruppo dem al Senato, Andrea Marcucci, uscendo da Palazzo Madama, nel giorno in cui l’ex segretario Pd ed ex premier ha ufficializzato il suo addio al partito. “Sono convinto che il progetto del Pd sia ancora attuale, quindi indipendentemente dal mio ruolo ho preso questa decisione”, ha aggiunto.

Poi, di fronte a chi evoca la possibilità che una pattuglia renziana resti nel gruppo dem per condizionarlo dall’interno, Marcucci si è difeso: “Se mi chiedessero un passo indietro da capogruppo? Non è un tema che mi preoccupa, io resto lo stesso tra i dem”. Smentendo poi la notizia secondo cui un suo immobile, nel centro di Roma, possa diventare la nuova sede del partito di Matteo Renzi: “Nulla da negare, semplicemente non è vero“. Sui numeri, invece, della diaspora renziana, per ora Marcucci prende tempo: “Se saranno più di dieci i senatori che lasceranno il gruppo Pd a Palazzo Madama? Non lo so, vedremo domani nell’assemblea del gruppo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matteo Renzi lascia il Pd e fonda un nuovo partito. Conte ora può stare sereno (davvero)

next
Articolo Successivo

Davide Casaleggio: “Il rappresentato dovrebbe decidere sempre”. E difende il voto online: “Pericoloso? Superare la paura del futuro”

next