Da istigazione al suicidio a omicidio. La procura di Cuneo ha cambiato da mesi, nel più stretto riserbo, l’ipotesi di reato per la morte di Raffaello Bucci, l’ultra della Juventus morto nel luglio 2016 dopo essere precipitato dal viadotto autostradale di Fossano. La notizia è stata confermata all’Ansa dal procuratore di Cuneo, Onelio Dodero. Il cambio del capo d’imputazione è emerso con gli arresti dei capi ultrà della Juventus, nell’ambito dell’operazione Last Banner che nelle scorse ore ha decapitato la Curva Sud con 12 misure cautelari a carico dei vertici degli ultras bianconeri.

L’uomo era collaboratore di Dino Mocciola, capo ultrà dei Drughi finito in carcere nel blitz della Digos di Torino, che lo aveva poi allontanato ed era poi diventato collaboratore del “Supporter liaison officier” della Juventus per la gestione dei gruppi della curva. Pochi giorni prima della sua morte, Bucci era stato interrogato dalla procura di Torino per i rapporti tra ‘ndrangheta e ultras portati alla luce nell’inchiesta Alto Piemonte.

Dalle carte dell’indagine era anche emerso che l’ultrà, originario del Foggiano, era anche un informatore dell’Aisi, il servizio dell’intelligence di sicurezza interna. A chiedere di indagare ancora sulla morte, inizialmente archiviata come suicidio, è stata la compagna Gabriella. Lo scorso 1 aprile la salma è stata riesumata dal cimitero di Cuneo. Ai pm Bucci aveva raccontato dei biglietti e del bagarinaggio: “Il business c’è. Il gruppo si autofinanzia e in qualche modo deve avere un ricavo, quindi qualche sovrapprezzo c’è”.

Nell’interrogatorio, alle domande su Rocco Dominello, ultras influente legato alle cosche di Rosarno e garante della “pace” in curva, Bucci era andato in confusione. D’altronde l’ultima volta che si erano visti era il settembre 2014, mentre con Mocciola c’erano stati incontri più recenti: “Qualche giorno fa l’ultima volta. I rapporti sono rimasti buoni con lui”. Incalzato sulle ragioni del suo allontanamento, poi, ricorda alcuni dettagli: “Sono stato aggredito, ma non ho fatto denuncia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Inchiesta Maugeri, Formigoni e gli altri condannati dalla Corte dei Conti a pagare oltre 47 milioni di euro di risarcimento alla Regione

prev
Articolo Successivo

Juventus, i tifosi organizzati non sosterranno la squadra a Madrid per protesta contro gli arresti dei capi ultras

next