“Se la scissione di Renzi indebolirà il governo Conte 2? Di certo non lo rafforza, vedremo se sarà un’azione ostile…”. Così il tesoriere del Pd Luigi Zanda dopo l’annuncio dell’uscita dai dem dell’ex segretario e attuale senatore. Con lui, come annunciato dallo stesso Renzi, ci sarà un drappello di una trentina tra senatori e deputati. Tra questi Luigi Marattin, possibile capogruppo della nuova formazione a Montecitorio.

Il diretto interessato per ora non si espone sul punto, ma rilancia: “C’era bisogno di chiarezza. Scarsa trasparenza? Era da annunciare prima di ottenere gli incarichi al governo? Non comprendo le accuse e le perplessità di Palazzo Chigi, la nostra azione non indebolirà l’esecutivo, né lo metterà a rischio. Vogliamo rafforzarlo“. E sulla possibilità che i renziani che resteranno nel Pd finiscano per condizionare il Nazareno smentisce: “Non credo che ci saranno infiltrati, ognuno fa le proprie scelte con trasparenza. Poi magari in futuro ci ritroveremo”, sottolinea, annunciano possibili nuovi arrivi nei mesi successivi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, Salvini: “Renzi? Scissione annunciata. Da lui non mi aspetto né dignità né onore, è il nulla”

prev
Articolo Successivo

Civati: “Nuovo partito di Renzi? Oggi è una brutta giornata per Calenda. Franceschini? Gioca col modulo di Allegri, di Sarri e di Conte”

next