“Non me la spiego. Perché io sono andato via dal Pd per rispettare la promessa fatta agli elettori. Viceversa Matteo Renzi ha contribuito in modo determinante a costruire questo governo. Ha detto prima ‘mai coi 5 stelle’, poi ‘sì coi 5 stelle’, poi ‘sono al governo non farò scissioni’, poi ha fatto la scissione. Insomma mi sembra un comportamento che definirei, in modo clemente, come ondivago”. Queste le parole di Carlo Calenda, europarlamentare che ha lasciato il Pd nelle scorse settimane

“Qual è il progetto? Staccarsi da un Pd che ha fatto esattamente quello che voleva lui alleandosi con i 5 stelle? Mi sembra più che altro un modo per tenere forte il controllo su un pezzo dei gruppi parlamentari attraverso cui condizionare l’attività del governo, le nomine, fare un lavoro del tutto legittimo, ma che poco ha a che fare con un vero progetto politico di rinnovamento della classe dirigente. Il governo ovviamente sarà più fragile, Renzi inaugurerà una stagione di controcanto continuo. Sarà un gran macello in particolare per il Pd e questo mi dispiace tantissimo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scissioni, quella di Renzi è solo l’ultimo capitolo. Da Cossutta a Mussi, da Vendola a Bersani, breve storia delle divisioni a sinistra

prev
Articolo Successivo

Scissione Pd, Renzi: “Il nome della nostra nuova sfida sarà Italia Viva. Con noi 25 deputati e 15 senatori. Operazione di palazzo? Anche”

next