“Il governo non è intenzionato a concedere nuove proroghe” per presentare le domande per la ricostruzione privata. Così il premier Giuseppe Conte nella sua prima visita ufficiale nelle aree colpite dal Terremoto del Centro Italia del 2016. “Dobbiamo iniziare a dire alle popolazioni interessate – prosegue – che a dicembre scadono i termini per la presentazione delle domande, in particolare per i danni lievi”.

Per la costruzione, sottolinea, “ci vorranno anni”, ma “dobbiamo accelerare. “Le istanze per la ricostruzione privata procedono molto lentamente, per una serie di problemi anche burocratici. Ma dobbiamo iniziare a dire alle popolazioni interessate che a dicembre scadono i termini per la presentazione delle domande, in particolare per i danni lievi. Paradossalmente la prospettiva di una nuova proroga contribuisce a rallentare la ricostruzione. Il mio è un appello: la popolazione sappia – conclude -che il governo non è intenzionato a concedere nuove proroghe“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto Centro Italia, prima visita di Conte: “Domande ricostruzione privata troppo lente: ora stop alle proroghe. Definire interventi”

next
Articolo Successivo

Boschi: “Salvini in costume da bagno ha portato il Viminale al Papeete, poi polemica nata per la mia foto in bikini. È cultura sessista”

next