Tra le ipotesi sul tavolo c’è anche quella della manomissione delle provette“. A dirlo, nel corso dell’udienza a Bolzano sul caso di Alex Schwazer, Giampietro Lago del Ris di Parma, che ha elencato iquattro scenari in grado di spiegare i risultati sulle provette dell’ex atleta altoatesino. “Ho ancora fiducia nella giustizia” ha dichiarato lui. “Ora non ho più fretta, non devo gareggiare come quando c’erano le Olimpiadi di Rio. Posso aspettare anche tre anni“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage di Erba, la Cassazione rinvia ai giudici di Como l’istanza di revisione del processo per un vizio di forma

prev
Articolo Successivo

I Centri antiviolenza sono una cosa seria, facciamo chiarezza dopo l’arresto della presidente di Butterfly

next