Un cortometraggio da scrivere, girare e montare in sole 48 ore. L’adrenalinico e divertente esperimento cinematografico più rapido al mondo torna a Roma nel weekend del 18-20 ottobre con il The 48 hour film project. Tredicesima edizione che vedrà nuovamente centinaia di ragazze e ragazzi invadere la capitale e cimentarsi nella creazione di un film tutto da inventare quando venerdì 18 ottobre si apriranno le buste e verranno consegnati i tre elementi obbligatori che dovranno necessariamente apparire nel film: personaggio (nome e cognome con tanto di professione), oggetto di scena e linea di dialogo.

Allo stesso tempo per ogni squadra verrà sorteggiato ed assegnato un genere cinematografico che dovrà essere rigorosamente rispettato. L’orario di consegna dell’opera creata in 48 ore è tassativa: entro le 1930 di domenica 20 ottobre. Altra regola: tutti i componenti dei vari team in gara devono essere volontari. E poi un suggerimento: superate i protagonismi e dividetevi senza invidie i compiti tra scrittura e realizzazione pratica. Sarà tempo di grandi liti, grandi emozioni, ma anche tempo di sapere se il mondo del cinema fa per voi. Per ogni informazione e per le iscrizioni guardare qui.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

IT2 è probabilmente il film più brutto dell’anno. Che pena

prev
Articolo Successivo

La vita invisibile di Euridice Gusmao, melò tropicale che ammalia lo sguardo – La clip

next