“Il Presidente dei vescovi italiani detta legge, fa politica e quindi possiamo politicamente rispondere e trattare politicamente la sua azione. Chiedere un rinvio della decisione alla Corte è una cosa mirata, e le motivazioni accampate sono tecnicamente false: di non discutere la legge si è deciso a giugno, precedentemente alla crisi di governo”. A dirlo in una conferenza stampa è Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, in merito alle dichiarazioni del presidente della Cei, la Conferenza Episcopale italiana, il cardinal Gualtiero Bassetti. “Bassetti ha fatto politica con la richiesta – prosegue – ha dettato addirittura il modo in cui la legge dovrebbe essere fatta, con la distinzione fra parenti e non parenti per depenalizzare il reato, che richiama il delitto d’onore, con una sorta di attenuante dovuta al grado di parentela”.

“Detta legge anche – aggiunge Cappato – su quella che potrebbe essere definita una sostanziale abolizione della legge sul trattamento biologico, perché negare ai malati di poter rinunciare a idratazione e nutrizione artificiale è imporre un trattamento contro la volontà malato“. “L’unico modo – evidenzia – per non avere buone regole è impedire alle istituzioni di decidere: alla Corte di decidere e al Parlamento. Questa è la strategia della Cei e trasversale ai gruppi parlamentari”. “Abbiamo chiesto un incontro a Di Maio e Zingaretti prima dell’estate, per discutere la calendarizzazione della proposta di legge sull’eutanasia, ci è stato negato – conclude – i capi dei partiti meno si esercitano con il tema meglio è, hanno mostrato di avere paura dei loro parlamentari”.

A fare eco alle parole di Cappato anche Filomena Gallo, segretaria dell’associazione Luca Coscioni: “Il Parlamento non è intervenuto, il 24 la Corte si pronuncerà con valore di legge e da quella dovremmo partire. Noi chiedevano un dibattito aperto e trasparente per tutelare tutto. Non è avvenuto. In tutto questo ieri è intervenuta la Cei con un messaggio politico ben chiaro di fronte a tante personalità politiche tutte concordi a chiedere un rinvio alla Corte costituzionale. Noi rispettiamo le loro posizioni ma quell’intervento per noi era chiaramente politico e mirato anche a modificare il testamento biologico”. Come lei anche Mina Welby, che dopo aver invitato tutti in piazza il 19 settembre a Roma, si rivolge alla Cei: “Chiedo di avere più misericordia, ognuno vuole la sua morte e questa è la cosa più importante per la vita umana”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eutanasia, per il ddl tempo quasi scaduto. Delrio (Pd) risponde all’appello della Cei: “Si legiferi”. M5s: “Prima attendiamo la Consulta”

next
Articolo Successivo

Il bimbo cresciuto tra i pascoli di Patromagno e il pastore fuggito dal Gambia, in un film la storia di un’amicizia e del ritorno alla terra

next