Lo ha premesso anche lui: “Con un poco di ironia e un poco di provocazione esamino il vostro programma“. Si tratta dell’esilarante intervento del senatore di Forza Italia, Marco Perosino, nella giornata dedicata alla fiducia al governo Conte bis in Senato.
Il parlamentare piemontese, nello sciorinare tutte le pecche del nuovo esecutivo, ha disegnato una sorta di Apocalisse in agguato con la nuova compagine governativa: dal debito pubblico all’Iva, dal Tav alla istruzione.
Ma su quattro punti Perosino ha calcato la mano: l’immigrazione, la liberalizzazione delle droghe, il suicidio assistito e le adozioni gay.

“Vengano tutti – ha tuonato il senatore – Le Ong sono brava gente, legalitari. Diamo lus soli a chi nasce e ai genitori. E anche i nonni vengano a operarsi di cataratta e di ernia. Siete contro l’Italia“.
E ancora: “Da ultimo, l’apoteosi con i temi eticamente sensibili: droga libera per tutti e sull’ordinanza della Corte costituzionale non legiferiamo: si arriverà al suicidio assistito, che è l’anticamera dell’eutanasia. L’utero in affitto, le adozioni gay, il gender: tutte perversioni contro natura. La famiglia è una sola, la natalità si fa, come dice il Forum delle famiglie, con un aiuto solo, finanziario, secco e consistente”.

Poi la supplica finale: “Vi prego, tornate nella realtà, abbandonate il virtuale e non portateci nell’Apocalisse. Anche senza il permesso dei politicamente corretti, prego la Madonna, San Francesco e Santa Caterina, patroni d’Italia, e San Pio da Pietralcina, che era un buono, affinché ci proteggano. Più Italia nei suoi confini, più civiltà cristiana, più ordine e sicurezza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Veneto, la Lega dice addio ai segretari: ogni provincia controllata da un commissario. Salvini (con Fontana e Zaia) ne sceglie 7 nuovi

next
Articolo Successivo

Napoli, Borriello: “San Paolo? Polemica strumentale. Ancelotti non ha visto gli spogliatoi”

next