“Le persone e le organizzazioni che diffondono odio o attaccano gli altri sulla base di chi sono non trovano posto su Facebook e Instagram. Candidati e partiti politici, così come tutti gli individui e le organizzazioni presenti su Facebook e Instagram, devono rispettare queste regole, indipendentemente dalla loro ideologia”. Un portavoce di Facebook spiega perché siano stati rimossi, a sorpresa, numerosi profili e pagine di responsabili nazionali, locali e provinciali di Casapound, compresi quelli degli eletti in alcune città italiane. Restano, invece, consultabili i profili su Twitter. Offline anche molte pagine di Forza Nuova. “Gli account che abbiamo rimosso – spiegano ancora dal social network, che l’anno scorso ha comprato Instagram – oggi violano questa policy e non potranno più essere presenti su Facebook o Instagram”.

Già ad aprile Facebook aveva bloccato alcune pagine e profili spiegando che erano state violate le regole della comunità e appena due giorni fa sul profilo di Andrea Cpi, militante del gruppo di estrema destra, era stato pubblicato un post – poi cancellato – che offendeva la neoministra dello Sviluppo economico Paola De Micheli. Il segretario Simone Di Stefano parla di “affronto alla democrazia“, mentre per il leader del movimento Giancluca Iannone “Facebook e Instagram ci cancellano perché oggi eravamo in piazza contro il governo. Sono state colpite tutte le realtà che si rifanno a CasaPound: il Blocco Studentesco, Solid, addirittura sono stati disabilitati i profili di amministratori della pagina del Primato nazionale, una rivista sovranista libera, non di Cpi (acronimo di Casapound Italia, ndr)“, aggiunge Iannone, spiegando che questo “atto vergognoso ha un precedente: già in campagna elettorale ci avevano cancellato decine di pagine. Si tratta – di un gravissimo atto discriminatorio commesso nei nostri confronti dai colossi social – spiega – Ma certo noi non staremo con le mani in mano: siamo già pronti a partire con una class action”.

Poco prima della dichiarazione di Facebook erano intervenuti sui social anche dal Pd per chiedere chiarimenti al social network. “Che succede? – aveva scritto il dem Emanuele Fiano -. È un fatto molto pesante, non può essere un caso, all’origine del quale devono esserci ragioni gravi. Vogliamo capire”. Sulla stessa scia il senatore del Pd Dario Parrini su facebook: “Tardi. Ma meglio tardi che mai. È l’unico commento che mi viene da fare alla decisione di Facebook e Instagram di chiudere decine di pagine e profili legati a CasaPound. L’apologia di fascismo in Italia non è un’opinione. È un reato“. Facebook ha rimosso le pagine dei due movimenti perché violavano gli standard della community e nello specifico le regole che riguardano “persone e organizzazioni pericolose”, dettagliate all’interno del punto “Violenza e comportamenti criminali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Philips ammoderna le vecchie lampadine a filamento e annuncia nuove TV e cuffie

next
Articolo Successivo

FridgeCam Plus è la webcam per il frigo che fa l’inventario di prodotti e relative scadenze, e stila la lista della spesa

next