Dopo 14 giorni ai domiciliari e 11 mesi di “esilio”, Mimmo Lucano torna nella sua Riace. Lo ha deciso il presidente del Tribunale di Locri Fulvio Accurso che ha accolto l’istanza di revoca del divieto di dimora presentata dagli avvocati Antonio Mazzone e Andrea Daqua. Una decisione che il giudice ha preso nonostante il parere contrario della Procura che avrebbe voluto tenere Mimmo Lucano ancora lontano da Riace. “Anche se non sono più sindaco – ha commentato Lucano -, dicono che sono una persona pericolosa. Lo è di più chi ha deciso, negli ultimi 14 mesi, di chiudere i porti. Oggi io sono tornato a casa. Ma anche Salvini”.

Un abbraccio lungo e intenso quello tra Mimmo Lucano e suo padre Roberto, un insegnante di 93 anni, ammalato e costretto a letto da circa un mese. Per lui, quello che ha subito il figlio, “è una vergogna della giustizia italiana”. Dopo aver salutato il padre, Mimmo ha fatto un giro in paese. Molti si sono avvicinati per stringergli la mano e i migranti che sono rimasti a Riace sono accorsi a fargli festa. “Io non so vivere in un altro modo. Se occuparsi di politica è reato, allora me ne dovranno contestare altri”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Licata, dirigente anti abusivismo rimosso dal comune: “Facevo solo rispettare la legge”. Il sindaco: “Via solo per rotazione incarichi”

next
Articolo Successivo

Genova, botte tra ragazzine sul lungomare. Gli amici filmano e ridono

next