Ad IFA Motorola presenta un nuovo membro della famiglia One, il Motorola One Zoom, uno smartphone di fascia medio alta con schermo OLED da 6.39″ ed un sistema di quattro fotocamere posteriori.

Lo One Zoom va ad accupare la posizione di ammiraglio dell’offerta One, grazie ad un SoC più potente – lo Snapdragon 675 – associato a 4GB di RAM e 128GB di memoria, un design nuovo con effetto satinato sul posteriore (dove il logo Motorola fungerà da led di notifica) e lo schermo OLED con il sensore per le impronte digitali integrato.

Non di secondo piano la fotocamera, che cerca di riassumere quanto di buono l’azienda americana ha proposto nel corso degli ultimi mesi, vedendo il sistema a quadrupla camera composto da un sensore principale da 48MP con tecnologia quadpixel, un sensore da 8MP con lente zoom a 3x, un sensore da 16MP con lente grandangolare a 117° ed un sensore da 5MP utilizzato per la profondità di campo; la fotocamera principale e quella “zoom” sono dotati di stabilizzazione ottica (OIS). Sull’anteriore trova posto invece una fotocamera da 25MP, anch’essa dotata del supporto alla tecnologia quad-pixel ma a differenza del sensore posteriore offre la possibilità di disattivarla ed ottenere uno scatto a piena risoluzione (qualora proprio si dovesse avere bisogno di un selfie in alta risoluzione).

Al lancio, previsto nei prossimi giorni al prezzo di 399€, sarà disponibile in 3 colorazioni, Electric Gray, Brushed Bronze e Cosmic Purple, vedendo quest’ultima essere in esclusiva su Amazon ed arrivare con preinstallato il supporto ad Alexa.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lenovo Yoga SmartTab, nuova vita al tablet all’insegna della smart home

next
Articolo Successivo

Marvel Dimension of Heroes, arriva il gioco in realtà aumentata dedicato agli eroi Marvel

next