Non è bastata la temibile Russia a frenare l’avanzata delle “ragazze terribili” di Davide Mazzanti in questi Europei di volley femminile 2019. Le azzurre hanno travolto le avversarie per 3-1, aggiudicandosi quindi un posto nella Final Four di Ankara. Ad attenderle ci sarà la Serbia, uscita vincitrice dalla sfida contro la Bulgaria. Quasi un déjà-vu per le giocatrici italiane, che si sono viste strappare via il titolo mondiale per un soffio proprio dalle corrispettive serbe, durante l’ultima competizione del 2018 in Giappone.

La prova delle ragazze di Mazzanti è straordinaria. Il primo set parte a rilento. Le due nazionali corrono in parallelo per tutto il primo parziale. Al 23-23 Paola Egonu mette a segno un’incredibile diagonale, ma poi sbaglia il punto del set, battendo fuori. Le russe rimontano e vincono sul filo di lana per 25-27. Anche il secondo set si gioca in una situazione di equilibrio. Palla dopo palla le due nazionali guadagnano un punto a testa. Al 14-13 i muri italiani iniziano a funzionare contro la potenza russa. Le azzurre prendono così il via e staccano le avversarie a 18-14, per poi fermarsi e lasciare campo alle avversarie che rimontano portandosi sul 18-18. Provvidenziale di nuovo la Egonu che però, così come fatto nel set precedente, sbaglia nel momento cruciale del 20-20. Le russe sorpassano le azzurre con una diagonale di Goncharova, ma le ragazze di Mazzanti non si lasciano intimorire e chiudono il set 25-22. Al terzo set la Russia parte bene, e stacca di cinque punti le italiane lasciandole a 8. Provvidenziale un time-out di Mazzanti che dà la carica giusta alle ragazze per ripartire. Non bastano i 25 punti canonici per vincere, ma le azzurre alla fine la spuntano con un 27-25. Il quarto parziale è quello decisivo. La nazionale italiana parte indietro, ma è sul 20-20 che avviene il miracolo: le azzurre chiudono il set 25-21 e si aggiudicano la semifinale.

Sabato l’Italia tornerà quindi ad affrontare un incubo recente: la temutissima Serbia contro cui le “ragazze terribili” hanno perso, all’ultimo, la finale del mondiale 2018, il 20 ottobre scorso. L’obiettivo è raggiungere una finale europea, un traguardo che le azzurre non toccano dal 2009 quando si sono aggiudicate il titolo contro i Paesi Bassi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coni, Malagò fa la secessione. E da Sport e salute si porterà via tutto ciò che potrà

next
Articolo Successivo

Us Open, storica impresa di Matteo Berrettini: il 23enne è il secondo italiano arrivato in semifinale. Sfiderà Rafael Nadal

next