L’attuale presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, è tra i 28 archiviati della ‘Rimborsopoli bis’, il procedimento per i rimborsi ottenuti da una cinquantina di ex consiglieri regionali tra il 2008 e il 2010, aperta nel 2018. Il gup di Torino ha accolto la richiesta di archiviazione presentata dal sostituto procuratore Giovanni Caspani per 28 ex consiglieri. Per altri 18 indagati è stata fissata al 28 ottobre l’udienza preliminare.

Gli allora consiglieri regionali del Piemonte, sia della maggioranza che dell’opposizione e alcuni dei quali sono diventati parlamentari, avevano ricevuto gli inviti a comparire inviati dalla procura di Torino nel giugno dello scorso anno. Secondo l’accusa, durante i due anni in amministrazione, avevano ottenuto rimborsi illeciti per quasi 3,3 milioni di euro ed erano quindi finiti sotto indagini per peculato. Quello aperto nel 2018 è il secondo capitolo di una maxi indagine sui rimborsi in regione Piemonte che era iniziata 10 anni prima.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lodo Longarini, la Corte d’appello dà ragione allo Stato: sbloccati 800 milioni del ministero dei Trasporti pignorati dall’imprenditore

next
Articolo Successivo

Codice rosso, boom di denunce a 20 giorni dall’entrata in vigore. “Donne incoraggiate dalla legge a rivolgersi alla polizia”

next