“Il turismo ne gioverebbe”. Così il sindaco di Predappio, Roberto Canali, ha commentato la possibilità di riaprire in modo permanete alle visite la cripta di Mussolini, annunciata dopo un incontro con Caio Giulio Cesare, il pronipote del Duce. Visitare la tomba era possibile fino a poco meno di due anni fa. “Salvaguardare il rispetto del luogo di culto e la volontà di tante persone di visitare la tomba”, ha commentato invece Caio Giulio Cesare Mussolini, già candidato di Fratelli d’Italia alle Europee, che oggi ha incontrato per la prima volta il primo cittadino del comune romagnolo eletto la scorsa primavera con una lista civica di centrodestra sostenuta da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia. Una notizia che ha scatenato l’allarme dell’Anpi, che l’ha definita una scelta “inammissibile”.

“Una decisione – ha detto il sindaco – che spetta in tutto e per tutto alla famiglia. Noi assistiamo come spettatori interessati, ma come istituzione non abbiamo nessun ruolo in merito. Né la famiglia ci ha mai chiesto nulla”. “Certo – ha specificato Canali – non lo dico solo io, ma lo dicono gli operatori economici del comune: la riapertura della tomba riporterebbe tanti turisti sul territorio, con un beneficio per la nostra ricettività, specie per i bar e i ristoranti. L’aumento del turismo gioverebbe dell’indotto di tutto il circondario, che stiamo sviluppando con percorsi enogastronomici e altre iniziative mirate”.

Caio Giulio Cesare Mussolini, che in accordo con Canali ha definito l’incontro una chiacchierata “dai toni cordiali e informali”, ha dichiarato: “Cercheremo di trovare la soluzione migliore per riaprire la cripta in pianta stabile. Oggi sono state poste le basi per creare finalmente un percorso che porti alla riapertura. La nostra priorità è salvaguardare il rispetto del luogo di culto coniugandola con la volontà di tante persone di visitare la tomba”.

L’Anpi è intervenuta tramite il presidente provinciale dell’associazione a Roma, Fabrizio De Sanctis: “Se aprissero al pubblico in pianta stabile la cripta di Mussolini diventerebbe un luogo di pellegrinaggio. E’ un fatto inammissibile, una cosa fuori dal mondo”. “E’ assurdo – ha aggiunto – stiamo parlando di un dittatore che per 20 anni ha distrutto l’Italia, l’ha portata nell’abisso. Siamo entrati nel 75esimo anniversario dalla Liberazione dal nazifascismo. E’ ora che il Paese faccia i conti con queste tossine e se ne liberi una volta per tutte”.

Alle critiche mosse dall’Anpi all’iniziativa ha risposto Alessandra Mussolini: “Mi faccio una risata. L’Anpi è meglio che stia zitta, perché proprio loro avevano violato la cripta andando con il sindaco a fare un comizio. I comizi li facessero da un’altra parte. Quello è un cimitero, non è una piazza”. La nipote del Duce ha chiarito, riguardo alle tempistiche, che a breve arriverà una comunicazione, ma che accadrà molto presto. “Non nego che il cambio di amministrazione è stato un momento importante perché l’ultimo sindaco aveva fatto un disastro”, ha aggiunto l’ex eurodeputata e ex senatrice. La decisione, ha specificato in accordo con Canali, è dovuta al fatto che “c’è stata tanta pressione da parte dei commercianti di Predappio, da parte di tanta gente affinché fosse riaperta e noi abbiamo deciso di accogliere questo sentimento”.

Il neo sindaco di Predappio, primo eletto non proveniente dal centrosinistra dopo 70 anni, che già in campagna elettorale aveva elencato la riapertura fissa del mausoleo come priorità, si era espresso a riguardo anche in altre occasioni. “Sono antifascista, ma in Italia ha fatto delle cose buone“, aveva affermato in un’intervista a La Zanzara specificando che non voleva però trovarsi di fonte a manifestazioni estreme. Già gli scorsi 28 luglio e il 28 aprile, rispettivamente anniversari della nascita e della morte del dittatore, la cripta era stata resa accessibile, dando il via a diverse polemiche.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piacenza, scomparsi un uomo di 47 anni e una ragazza di 28: ricerche in corso. Sommozzatori al lavoro nelle vasche di irrigazione

prev
Articolo Successivo

Francesco Ruini, l’apicoltore 66enne è morto in Ghana: assalito da uno sciame di api. Era lì per insegnare il mestiere

next