Omnia vincit amor. L’abusata citazione di una frase di Virgilio potrebbe tornare utile anche per descrivere la ricerca in cui si sostiene che l’amore combatte il dolore: un partner può avere un effetto analgesico. Non chiunque, ma il compagno o la compagna che sono in grado di far battere il cuore. Il sentimento della persona cara, secondo uno studio internazionale condotto dall’Università delle Isole Baleari di Palma di Mallorca e dall’Umit, l’Università di scienze della salute di Hall in Tirol, in Austria, può portare ad avere conseguenze nel trattamento del dolore.

Per i ricercatori avere un sostegno sociale (anche senza un contatto verbale o fisico nel particolare momento in cui si sperimenta la sofferenza) può comunque ridurre la percezione del dolore. Gli scienziati hanno valutato la sensibilità al dolore da pressione di 48 coppie, con ciascun partecipante che è stato testato sia da solo sia in presenza del proprio partner. Gli studiosi delle due Università hanno poi somministrato loro un questionario per cercare di capire quale fosse stata la loro percezione del dolore. Nel corso delle prove in cui i partner si trovavano davanti a loro, uomini e donne hanno mostrato soglie di tolleranza del dolore più elevate. È stato grazie a questo esperimento che i ricercatori hanno positivamente associato l’empatia del partner alla tolleranza al dolore e, al contrario, l’hanno inversamente associata alla stessa esperienza dolorosa. Dunque, avere un compagno accanto, capace di creare quell’empatia giusta, porta a percepire meno dolore.

“Più volte – spiega Stefan Duschek docente dell’Umit, e primo ricercatore dello studio – è stato dimostrato” che parlare e toccare una persona sofferente sono due azioni che “riducono il dolore”. “Ma la nostra ricerca – aggiunge il ricercatore, docente di Psicologia della salute – dimostra che anche la presenza passiva di un partner romantico può ridurlo e che l’empatia del partner può attenuare il disagio affettivo durante l’esposizione al dolore”.

Lo studio su Scandinavian Journal of Pain

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Via Lattea, almeno cinque miliardi di sosia della Terra. Un nuovo telescopio a caccia di vita aliena

next
Articolo Successivo

Soyuz, robot cosmonauta Fyodor è riuscito ad attraccare alla Stazione spaziale

next