In Italia non sono tante le strutture accessibili dove le persone con disabilità possono trascorrere le proprie vacanze estive. Un diritto di qualsiasi persona è quello di poter vivere esperienze turistiche senza barriere, eliminando così ogni tipo di esclusione. Questa possibilità assume ancora più valore nel caso in cui la persona abbia un qualsiasi impedimento che non le permetta di fruirne in autonomia, in particolare disabili motori e sensoriali. E anche i caregiver, cioè tutte quelle persone che si occupano di un parente non autosufficiente, specialmente d’estate hanno bisogno di strutture e servizi ad hoc. Ecco alcune soluzioni per organizzare un soggiorno al mare o al lago.

Due esempi virtuosi (e gratuiti) di vacanze accessibili – Una delle prime realtà di soggiorno estivo accessibile per persone con disabilità in Italia è quella di San Foca (Marina di Melendugno) in Salento in cui servizi efficienti e inclusivi affiancano professionalità e efficienza del personale specializzato nell’assistenza ai disabili. L’obiettivo del centro salentino è quello di diffondere la cultura del turismo accessibile al 100% e far vivere una vacanza in piena autonomia per tutti. Un aspetto positivo che riguarda la spiaggia libera di San Foca è l’apertura de “La Terrazza Tutti al mare!”, grazie anche al contributo di Aisla, l’associazione italiana delle persone con Sclerosi laterale amiotrofica. La struttura è attrezzata per accogliere persone affette da Sla oltre che patologie neuromuscolari e altre disabilità. La terrazza rappresenta una novità assoluta in Italia per la presenza di un box infermieristico attrezzato e di personale addetto all’assistenza (OSS, infermieri, bagnino e coordinatori della struttura) che permettono agli ospiti e ai loro familiari di trascorrere una giornata al mare in pieno relax e sicurezza. “Usufruire di questo servizio è una esperienza straordinaria che ci permette di trascorrere dei momenti speciali con nostro figlio che ha la distrofia di Duchenne. Strutture di questo genere dovrebbero però essere diffuse in molte più località italiane”, racconta al Fattoquotidiano.it Tania, mamma di Nicolas. Si avvale inoltre di postazioni attrezzate confortevoli e ausili per la balneazione per rispondere alle diverse esigenze degli ospiti. La fruizione della terrazza è totalmente gratuita. È necessario prenotare chiamando il numero 366/181 0331 per parlare con un collaboratore di “Io Posso” oppure scrivendo a [email protected]

Un altro esempio positivo di vacanza accessibile è quello del Lago d’Orta. Si tratta del progetto realizzato dalla Uildm (Unione italiana lotta alla distrofia muscolare) di Omegna, l’amministrazione locale e il distretto scolastico. La Casa vacanze, realizzata nei locali della scuola elementare di Bagnella (Omegna), è aperta al pubblico fino al 26 agosto e offre ospitalità gratuita a persone con disabilità e ai loro accompagnatori. La casa dispone di servizi igienici con doccia, quattro camere da letto da 3/5 posti e di un ampio locale ad uso cucina. A meno di 200 metri si trovano la spiaggia con piscina all’aperto e una discesa per accedere direttamente al lago, dove è disponibile una sedia JOB. Inoltre è presente una pista pedo/ciclabile che costeggia il lungo lago e con la quale si può raggiungere il centro della città di Omegna. Durante il periodo estivo Uildm Omegna organizza anche corsi e uscite in barca a vela attrezzata per persone con disabilità.

Come organizzare il soggiorno estivo insieme al familiare non autosufficiente – Per i caregiver, “pensare alle vacanze significa organizzarsi per avere una pausa dall’impegno quotidiano di cura verso un familiare anziano o con disabilità. Questo genera non poca preoccupazione. Chi è in grado di aiutare queste persone? Un sistema adeguato di welfare aziendale può essere la risposta”, dice a Ilfattoquotidiano.it Francesca Rizzi, ad di Jointly, azienda con una rete di oltre 110mila servizi di welfare diffusi su tutto il territorio italiano, realizzati con il supporto di partner certificati per 70 aziende clienti, che vanno da Enel a Vodafone passando per Esselunga, Fastweb e Intesa Sanpaolo, per un totale di 650mila dipendenti. Nel periodo prima delle vacanze il servizio Jointly Fragibilità riceve e indirizza diverse richieste: soggiorni climatici, ricerca e selezione di una badante, RSA per inserimenti temporanei. Uno dei partner principali di Jointly per questo tipo di servizi è Bed&Care: “La nostra azienda è stata la prima a portare sul mercato del welfare aziendale servizi specificatamente pensati per sostenere i caregiver nei periodi di vacanza: offriamo assistenza con personale qualificato in hotel, noleggiando tutti gli ausili necessari e predisponendo i transfer accessibili a volte indispensabili per raggiungere il luogo della vacanza”, dichiara Pier Fabrizio Salberini, amministratore unico di Bed&Care e B&CTravel. Secondo Jointly sono circa 9 milioni i caregiver in Italia e ogni anno oltre 3 milioni di donne rinunciano a una vacanza per assistere un loro familiare con dei bisogni speciali. E il caregiving non è un impegno e responsabilità per soli adulti. Secondo l’Istat in Italia sono almeno 170mila i giovani tra i 15 e i 24 anni che assistono un familiare con problemi di salute.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Egitto, due transessuali italiane trattenute dalla polizia all’aeroporto di Sharm: “Foto sul documento non reale, saranno rimpatriate”

prev
Articolo Successivo

Roma, nella clinica mobile dei Medici per i diritti umani: ‘’Ultimi sgomberi hanno reso situazione esplosiva. In aumento il disagio psichico’’

next