Diversi naufraghi, almeno nove, si sono buttati a mare dalla nave della ong Open Arms, bloccata davanti all’isola di Lampedusa da 19 giorni. Una motovedetta della guardia costiera e due gommoni sono subito intervenuti per recuperarli. Era già successo stamattina quando un migrante era stato salvato dalla Guardia costiera. A bordo, denunciano gli operatori della ong, la situazione è esplosiva. A monitorare la situazione c’è anche una motovedetta della Guardia di finanza

video Twitter/Open Arms

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, naufrago si getta in mare dalla Open Arms: recuperato dalla Guardia costiera

prev
Articolo Successivo

Migranti, in 69 sbarcano a Santa Maria di Leuca. Assessore: “Il nostro è un porto aperto”

next