“E’ stato un onore lavorare insieme”. “Sei una perla rara“. “Sei una delle scelte di cui vado più fiero nella mia vita“. Quando mancano poche ore dal discorso in Senato del premier Giuseppe Conte, che potrebbe segnare la fine della sua prima esperienza di governo, Luigi Di Maio pubblica un post su Facebook per esplicitare il suo sostegno, politico e umano, nei confronti del presidente del Consiglio. Il capo politico del M5s, ribadisce che “oggi i ministri M5s saranno al tuo fianco” e che “la Lega dovrà rispondere delle proprie colpe per aver deciso di far crollare tutto, aprendo una crisi di governo in pieno agosto, in spiaggia, solo per rincorrere i sondaggi“.

Parole di profonda stima quelle di Di Maio nei confronti del premier: “Quando tutta Italia ha conosciuto Giuseppe Conte, lo ha conosciuto come uno dei membri della squadra di governo del Movimento 5 Stelle”, nel ruolo di possibile ministro della Funzione pubblica. E ancora: “Saresti stato il ministro più amato d’Italia“, ma “saresti stato sprecato“, afferma il vice premier, ricordando che “in 14 mesi hai salvato l’Italia da due procedure di infrazione, hai rappresentato l’Italia ai tavoli europei ottenendo i margini di bilancio per dare ai cittadini ‘quota 100’ e il reddito di cittadinanza”. Un “servitore della Nazione che l’Italia non può perdere”, dice.

“Hai saputo farti amare dagli Italiani soprattutto nelle aree più disagiate del Paese”, scrive ancora Di Maio, che conclude il post con un incoraggiamento personale: “Forza amico mio!“. Sentimento ripreso anche da uno striscione affisso davanti Montecitorio, cui di fianco è stata appesa una bandiera del M5s. “Presidente Giuseppe Conte l’Italia ti ama“, si legge a caratteri cubitali, cui segue una scritta eloquente: “Siamo tutti Conte, incorniciata da cinque stelle gialle.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi, Salvini: “Ci sono persone disposte a votare anche il governo della Fata turchina. Ritirare ministri? Ascoltiamo Conte e vediamo”

prev
Articolo Successivo

Crisi di governo, Bongiorno (Lega): “Siamo stracompatti. Non facciamo capricci, la nostra una scelta di responsabilità”

next