Nonostante i progressi tecnologici in ambito smartphone, i cosiddetti telefonini “vecchio stile” continuano a raccogliere ampi consensi di pubblico. Sono quei prodotti molto compatti, con schermo piccolo e tastiera fisica, che molti preferiscono agli smartphone con grandi schermi touch. HMD Global, l’azienda finlandese che sviluppa dispositivi a marchio Nokia, cavalca questa passione retrò con due nuovi modelli: Nokia 220 4G e Nokia 105. Entrambi indirizzati al mercato europeo, compiono un passo nella modernità, pur mantenendo un design vintage.

Nokia 220 4G aggiunge al modello in circolazione dal 2014 il supporto 4G, un browser che permette anche l’accesso ai social e di diversi giochi iconici del marchio, come ad esempio l’intramontabile Snake, con grafica modernizzata. Il rivestimento esterno è in policarbonato, all’interno c’è spazio per alloggiare due schede SIM (una nano SIM e una micro SIM). Presenti all’appello una fotocamera con flash LED e radio FM. La batteria, ricaricabile tramite cavo micro USB, promette un’autonomia di in stand by di oltre 27 giorni e una in telefonata di almeno 6 ore. Chi è interessato può acquistarlo nelle colorazioni blu menta e nera, a un prezzo di 39 euro.

Il modello Nokia 105 ricalca il design dell’omonimo modello del 2017, ed è privo di fotocamera. Può memorizzare oltre 2.000 contatti e 500 SMS, ha la torcia e supporta due SIM contemporaneamente. La batteria è più piccola di quella del 220 4G, quindi l’autonomia sarà inferiore. Il prezzo in questo caso è di soli 13 euro per tutte le colorazioni, che saranno blu, nero e rosa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

1000 videoclip che hanno fatto la storia della musica presto disponibili su YouTube con qualità HD

next
Articolo Successivo

Aggiornare il curriculum online per cercare lavoro, ma la metà degli italiani non lo fa

next