Dopo la provincia di Trento, anche quella di Bolzano ha emesso un’ordinanza che prevede la cattura di M49, a seguito dello sconfinamento dell’orso in Alto Adige nei giorni scorsi. A differenza della prima però, quest’ultima non prevede l’abbattimento dell’animale. Una decisione che arriva dopo alcuni danni fatti dall’animale negli ultimi giorni. I forestali lo hanno colpito con alcuni proiettili di gomma per farlo allontanare dopo che si era avvicinato a zone abitate dai pastori, tentando di rovesciare la loro roulotte vicino a passo Oclini. Inoltre secondo quanto riferito da un escursionista di 64 anni al quotidiano Dolomiten, l’orso è stato avvistato nella zona dell’altoatesina gola Bletterbach. Nella notte tra il 18 e il 19 agosto si è invece diretto in val di Fiemme, nella zona del passo Lavazè. Durante il suo passaggio da una provincia all’altra, ha inoltre danneggiato un apiario e mangiato un vitello. La Provincia di Trento ha però precisato che i colpi erano solo due e che sono stati sparati perché si riteneva che il plantigrado potesse trovarsi nelle vicinanze, visto il nervosismo dei cani dei pastori.

L’assessore provinciale ad agricoltura e foreste di Bolzano, Arnold Schuler ha spiegato che “la base su cui si fonda l’ordinanza è il Pacobace, che prevede determinati casi di intervento. Anche in Trentino è stato fatto così e anche noi abbiamo preso le stessa strada. L’ordinanza, in attesa della firma del presidente Kompatscher prevede la cattura dell’orso. Solo se l’orso diventerà pericoloso per l’uomo allora è previsto, anche dal Pacobace, l’abbattimento”. Nel caso in cui l’orso venisse catturato non ci sarebbe però un recinto autorizzato dal Ministero dell’ambiente, come quello del Casteller, in Trentino, da cui è fuggito M49 dopo la cattura lo scorso luglio. “Se fosse catturato dovremmo parlare con i trentini per trovare un posto in cui metterlo, ma adesso è prematuro”, ha commentato Schuler. Contro l’uccisione di M49, disposta dal governatore trentino leghista Fugatti si è sempre battuto il ministro Costa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Greta e Renzo Piano per lavare di verde l’ecomostro di Montecarlo

next
Articolo Successivo

Greta Thunberg, così in un anno ha cambiato la mia vita

next