Sono stati arrestati il proprietario e lo skipper dello yatch sul quale si trovava in vacanza con la famiglia il manager siciliano Eugenio Vinci, morto per avvelenamento da monossido di carbonio: l’accusa nei loro confronti è di aver installato un motore nella barca senza rispettare le norme di sicurezza, causando così la fuoriuscita di gas tossici. Si tratta di due uomini, uno di 27 e l’altro di 23 anni, entrambi croati, come fa sapere la polizia.

Dalle indagini condotte dalla direzione di Spalato-Dalmazia, il motore sarebbe stato installato l’8 agosto scorso, senza seguire le norme di sicurezza e inserendo nel vano motore un generatore a benzina che si raffredda ad aria. Una volta avviato, il motore ha iniziato a sprigionare gas tossici che hanno raggiunto anche le cabine dove si trovavano il manager e i due figli, un bimbo di cinque anni e una ragazzina di quattordici, avvelenandoli. Per l’uomo non c’è stato scampo, mentre i due figli si trovano ricoverati in ospedale in gravissime condizioni e sono ancora in pericolo di vita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Monaco, 31enne salva un ragazzino da un pedofilo guardando il suo telefono in metropolitana: uomo arrestato per 4 abusi

prev
Articolo Successivo

Migranti, i Modena City Ramblers si esibiscono a bordo di Mediterranea: “Torniamo in mare”

next