Eugenio Vinci, noto manager siciliano di Sant’Agata di Militello, è morto martedì mattina in barca in Croazia. Ricoverati all’ospedale di Spalato anche gli altri cinque italiani che erano a bordo con lui, tra cui i due figli di 8 e 14 anni e Bruno Mancuso, sindaco del comune di Sant’Agata di Militello, amico del manager. In mattinata era circolata la notizia che siano stati vittime di un avvelenamento da cibo ma stando alle ultime informazione la morte è dovuta a un’intossicazione da gas di scarico dell’imbarcazione proveniente dal water o dal condizionatore d’aria. Secondo la stampa croata l’uomo ha perso i sensi nel bagno e nella caduta ha battuto la testa.

Vinci, 57 anni, numero uno della Dico a cui fanno capo i supermercati Tuodì, negli anni Ottanta è stato direttore generale della Pop 84 di Remo Perna, azienda tessile dell’isernino, poi fallita, e vicepresidente di Assoindustria Molise.

“Dopo aver mangiato ci siamo sentiti male tutti – ha raccontato Mancuso – forse per un’intossicazione dovuta al gas del caicco sui cui viaggiavano o un’intossicazione alimentare. Non sappiamo bene cosa sia accaduto, solo che stavamo tutti male. Alcuni ci siamo ripresi presto, purtroppo il mio amico ha perso i sensi e battuto la testa. Gravi anche due bambini, siamo qui in ospedale e speriamo che le loro condizioni migliorino nelle prossime ore. Sul caso stanno indagando le autorità locali e speriamo si faccia chiarezza, qualcosa di più certo la sapremo dopo l’autopsia sul corpo del povero Eugenio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ponte Morandi, il racconto del fratello di una vittima: “Ho visto la carcassa della sua auto, i responsabili sperano che Italia dimentichi”

prev
Articolo Successivo

Macerata, auto travolge e uccide un bambino di nove anni. Investitore ha 70 anni

next