Eugenio Vinci, noto manager siciliano di Sant’Agata di Militello, è morto martedì mattina in barca in Croazia. Ricoverati all’ospedale di Spalato anche gli altri cinque italiani che erano a bordo con lui, tra cui i due figli di 8 e 14 anni e Bruno Mancuso, sindaco del comune di Sant’Agata di Militello, amico del manager. In mattinata era circolata la notizia che siano stati vittime di un avvelenamento da cibo ma stando alle ultime informazione la morte è dovuta a un’intossicazione da gas di scarico dell’imbarcazione proveniente dal water o dal condizionatore d’aria. Secondo la stampa croata l’uomo ha perso i sensi nel bagno e nella caduta ha battuto la testa.

Vinci, 57 anni, numero uno della Dico a cui fanno capo i supermercati Tuodì, negli anni Ottanta è stato direttore generale della Pop 84 di Remo Perna, azienda tessile dell’isernino, poi fallita, e vicepresidente di Assoindustria Molise.

“Dopo aver mangiato ci siamo sentiti male tutti – ha raccontato Mancuso – forse per un’intossicazione dovuta al gas del caicco sui cui viaggiavano o un’intossicazione alimentare. Non sappiamo bene cosa sia accaduto, solo che stavamo tutti male. Alcuni ci siamo ripresi presto, purtroppo il mio amico ha perso i sensi e battuto la testa. Gravi anche due bambini, siamo qui in ospedale e speriamo che le loro condizioni migliorino nelle prossime ore. Sul caso stanno indagando le autorità locali e speriamo si faccia chiarezza, qualcosa di più certo la sapremo dopo l’autopsia sul corpo del povero Eugenio”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, il racconto del fratello di una vittima: “Ho visto la carcassa della sua auto, i responsabili sperano che Italia dimentichi”

next
Articolo Successivo

Macerata, auto travolge e uccide un bambino di nove anni. Investitore ha 70 anni

next