Si chiama Hydrogen Two il nuovo smartphone dell’azienda RED caratterizzato dalla presenza di uno schermo olografico. Non è un’anteprima assoluta per questa tecnologia: Hydrogen One fu il primo smartphone, prodotto dalla stessa azienda, ad avere un display olografico, grazie alla presenza di sensori fotografici capaci di registrare e scattare foto 3D. Tuttavia non ebbe successo perché gli utenti non furono soddisfatti della “qualità” degli scatti, considerati poco stupefacenti rispetto alle aspettative. Inoltre, il prezzo di listino era salato: si aggirava intorno ai 1.140 euro.

Jim Jannard, fondatore di RED, ammette i problemi e precisa che il nuovo smartphone è stato progettato partendo completamente da zero. La creazione sarà quindi frutto di una collaborazione con una nuova azienda produttrice cinese, di cui non è stato diffuso il nome.

In questo momento sembra che l’azienda si stia dedicando al comparto fotografico : il modulo, chiamato Komodo, dovrebbe avere l’obiettivo di aumentare le aspettative finora previste. Il lavoro si baserà sulla realizzazione di una fotocamera con qualità cinematografiche, quindi con caratteristiche del tutto professionali, ma con un prezzo all’utente finale relativamente basso.

Non è nota la data del debutto ufficiale del prodotto, l’azienda sottolinea la volontà di offrire un trattamento preferenziale (tra cui uno sconto) a tutti coloro che hanno acquistato Hydrogen One e che vorranno accordare nuovamente fiducia all’azienda.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disponibile l’applicazione per ipoudenti di Google, funziona sugli smartphone Android 6.0 e successivi

prev
Articolo Successivo

Motorola One Action, arriva lo smartphone con “action cam” grandangolare a 117°

next