Motorola ha lanciato oggi sul mercato il Motorola One Action, un nuovo smartphone della famiglia One caratterizzato dalla presenza di una cam grandangolare a 117° utilizzabile per registrare video orizzontali pur mantenendo in verticale lo smartphone.

Scheda tecnica molto simile al Motorola One Vision presentato alcuni mesi fa, troviamo infatti anche sul’One Action il display “Cinemavision” da 6,3″ FullHD+ a 21:9 con il foro per la fotocamera anteriore, il SoC Exynos 9609, 4GB di RAM e 128GB di memoria (espandibile in questo modello di ulteriori 512GB tramite microSD), e la batteria da 3500mAh (ma con turbo power limitato a 10W).

Le principali differenze sono nel comparto fotografico, il nuovo modello infatti si presenta sull’anteriore con una fotocamera da 12MP mentre al posteriore con un sistema a tripla fotocamera composto da un sensore principale da 12MP, il sensore “action-cam” con lente grandangolare a 117° ed il tradizionale sensore per la profondità. La funzionalità di action-cam, come anticipato, permette di registrare video orizzontali pur mantenendo il telefono comodamente in verticale (mostrando un’anteprima ridotta), video che possono essere poi riprodotti a pieno schermo girandolo in posizione orizzontale.

Come tutti i modelli della famiglia One, anche il Motorola One Action fa parte del programma Android One, arrivando sul mercato con a bordo Android Pie (9.0) e vedendo garantiti gli aggiornamenti alle prossime due major release e gli update di sicurezza per i prossimi 3 anni.

Il nuovo Motorola One Action è in vendita a partire da oggi in due colorazioni, Blu Denim e Bianco Perla, al prezzo di lancio di 289€

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Hydrogen Two, lo smartphone con display olografico prodotto da RED

prev
Articolo Successivo

Privacy online, e se vi ricattassero per riavere le foto delle vostre vacanze?

next